Il Fmi declassa l’Italia: «È come l’Argentina». I poteri forti ci preparano il piattino?

venerdì 11 ottobre 17:19 - di Tito Flavi

Il corto respiro della politica economica italiana non è sfuggito al Fmi. E un sinistro avvertimento è stato inviato a Conte e Gualtieri. La politica fiscale del Conte bis non è credibile.  In paesi “come l’Italia, il forte legame fra banche e debito sovrano potrebbe avere ripercussioni sulla fiducia”.  E “portare a tensioni sui mercati finanziari. Nel caso in cui la credibilità delle politiche fiscali a medio termine venga messa in discussione”.  Questo  monito del Fmi è contenuto in un rapporto sulle prospettive crescita nei paesi del G-20.

E c’è di peggio: non abbiamo margini per politiche espansive. L’Italia  è una di quelle economie che ha “poco o nessuno spazio fiscale”. La “sentenza” del Fmi mette i brividi. “L’Italia condivide l’assenza di margini di bilancio con Argentina, Brasile, India e Sudafrica”. I trionfalisti nostrani sono avvertiti.

L’analisi del Fmi evidenzia anche per il nostro paese “le rigidità strutturali nel mercato del lavoro” che rendono difficile anche il recupero del reddito per chi viene escluso, con un aumento delle diseguaglianze. Per la maggior parte delle economie più avanzate, peraltro, “le riforme del prodotto e del mercato del lavoro rimangono essenziali”, aggiunge l’Fmi che auspica l’eliminazione – in Italia, ma anche in Francia, Germania e Giappone – di regolamenti eccessivamente restrittivi, anche per i servizi professionali. Per il nostro paese, infine, il Fmi rinnova l’invito a sanare i bilanci e ad aumentare l’efficienza del settore bancario. Austerità,  austerità e ancora austerità. Non ci sono margini di crescita. Non è una condizione a lungo sostenibile. L’Italia entrerebbe in una spirale recessiva dalla quale non uscirebbe tanto facilmente. E il commissariamento della Trojka diventerebbe inevitabile. I poteri forti ci stanno avvertendo del piattino in arrivo?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giovanni Dalmonte 12 ottobre 2019

    e’ ora di farla finita con questa sottospecie di europa.torniamo a battere moneta,(la nostra moneta) e diventiamo come la svizzera,confini sicuri.economia crescente e stranieri solo quelli che servono come fanno tutti gli altri paesi europei e non.

  • maurizio pinna 12 ottobre 2019

    E’ così, prima la Cuba dei barbudos, che tira a campare da 60 anni, poi il Venezuela degli anarco-bolscevichi, il Brasile del partito comunista dei lavoratori,ora l’Argentina ereditata dai compagni e già si profila la Bolivia. sempre con governo di sinistra. Non vi è luogo al MONDO dove abbiano portato del benessere, NESSUNO!.

  • mariella albertoni 12 ottobre 2019

    Hanno iniziato a divorarci anni fà.

  • NESTORE 11 ottobre 2019

    non è un problema per i capitalcomunisti

  • In evidenza