Governo, botte da orbi. Bellanova al vetriolo contro Conte: «Sei premier grazie a Renzi».

sabato 5 ottobre 19:14 - di Mariano Folgori

Al governo continuano a darsele di santa ragione. L’esecutivo guidato da Giuseppe Conte è nato davvero sotto una cattiva stella. Ieri la polemica tra Renzi e Conte sul cuneo fiscale. Con Giuseppe che accusa Matteo di voler fare il “fenomeno”. Poi sempre Conte che incalza Renzi con una intervista sul Corriere. “Così non si va avanti”. La durissima replica è affidata oggi alla pasionaria renziana  Teresa Bellanova. “Stai lì grazie a Renzi”. Non è una uscita molto elegante. È un bollettino di guerra. Il fatto grave (e buffo) è che Bellanova è un ministro. E  quindi, come membro del governo, dovrebbe usare toni più misurati. Invece niente. A Palazzo Chigi e dintorni è crisi di nervi continua. Di questo passo proprio non durano. Prima o poi (più prima che poi) qualcuno staccherà la spina.

Ma vediamo che cosa ha detto esattamente la Bellanova. “Questo governo è nato grazie a Matteo Renzi. Ed è grazie a Renzi che Giuseppe Conte può fare il Presidente del consiglio. È necessario che tutti recuperiamo un atteggiamento di grande linearità e rispetto reciproco. Abbiamo tante cose da fare”. E poi una dichiarazione che suona come la battuta di un comico. “Questo governo deve durare l’intera legislatura”. La ministra augura lunga vita al governo subito dopo aver sparato a palle incatenate contro il premier. Vuole per caso prenderci in giro? Per la cronaca, il ministro dell’Agricoltura ha rilasciato queste dichiarazioni di fuoco  a Terrasini.  Mentre era in visita alla scuola di formazione “Futura”.

Ecco la ciliegina sulla torta di Bellanova.”Sono consapevole come tutti noi che il presidente Conte ha avuto un’esperienza traumatica. Perché aveva un ministro degli interni che dichiarava ogni giorno guerra a qualcuno. Spesso dando sulla voce anche ai colleghi di governo. Noi non siamo di quella pasta lì. Noi vogliamo misurare l’azione di governo sul tasso di soluzione di problemi”. Conte traumatizzato? Non pare proprio un complimento…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • GIUSEPPE CONSONNI 7 ottobre 2019

    mi manca TONINELLI,saggio,misurato elegante come la TAVERNA una ministra inglese,io li ho votati alle prossime elezioni un grande immenso durissimo (come si dice in italiano? CUI in russo)

  • maria giuseppa leanza 7 ottobre 2019

    Non mi piace che TERESA BELLANOVA dica ciò.Frase terra terra.

  • lucia 6 ottobre 2019

    non mi pare che la ministra dell’Agricoltura abbia usato rispetto verso il Premier. Che significa che il Premier è stato messo lì da Renzi. Anche se fosse vero quello che dice Bellanova è una cosa grave ed offensiva, è una ragione in più perchè questo Governo cada prima del previsto. Mi viene istintivo chiedere alla ministra chi cavolo si crede di essere lei.

  • ALEX 6 ottobre 2019

    E’ VERO IL MINISTRO DELL’INTERNO CHIDEVA LA SOSPENSIONE DEI MINISTRI,,,,CHE IN EFFETTI NON SONO PIU’ STATI INSERITI,,,,CHE AVESSE RAGIONE ???

  • nicolo cerni 6 ottobre 2019

    QUANDO LAVORAVO IN FABBRICA ED IN BANCA AVEVO UN SINDACALISTA CHE NON PERDEVA OCCASIONE DI DIRCI CHE LUI ERA COMUNISTA E POTEA DIRE QUALSIASI BESTIALITA’ PERCHE’ ERANO MORTE PERSONE PER LO STATUTO DEI LAORATORI, UGUALE LA BOLSCEVICA, CON LA DIFFERENZA CHE OLTRE AD ESSERE IGNORANTE ORA SPARA PURE SENTENZE……

  • GISELLA FALZONI 6 ottobre 2019

    anche lei non è di meno. E’ ministro grazie al cazzo !

  • MICHELE fuccilo 6 ottobre 2019

    Siamo alla pazzia totale. Questi ministri postilà ad occupare una poltrona, senza alcuna preparazione e, quel che è peggio,senza un obiettivo da perseguire ….é l’inizio della fine..speriamo

  • Giovanni Marchetta 6 ottobre 2019

    Questi non arrivano neanche a Natale

  • Giuseppe Forconi 6 ottobre 2019

    Ormai il “Governo della Repubblica Italiana” , altro non e’ che un campo infangato dalle piogge inquinanti dove normalmente giocano a pallone i balordi di quartiere, che si sputtanano uno con l’altro senza ritegno. Il bello e’ che il popolo italiano li paga profumatamente. Se gli tirate giu’ i pantaloni vedrete che sono tutti “spallati” vergognosi come fioramonti che batte uno scaricatore portuale con il suo parlare. Ecco in che mani si trova oggi l’Italia, poi hanno anche il coraggio di additarmi come fascista, ma allora loro cosa sono ? Abominevoli avanzi di galera catti comunisti nostalgici di una schifosa idiologia togliattiana che porto’ il nostro Paese alla rovina fin dal lontano 1945. Ora come si puo’ uscire da questa fogna ? Sicuramente lottando.

  • In evidenza