Giulia Grillo (M5S) ridicolizza il Pd: «Mi attaccavate sempre, ora dite le cose che dicevo io»

venerdì 25 ottobre 10:57 - di Paolo Sturaro
Giulia Grillo

L’ex ministra Giulia Grillo si toglie qualche sassolino dalle scarpe. Con ironia smaschera l’ipocrisia del Partito democratico. Anzi, lo ridicolizza. Quando lei era al governo, la criticavano. Ora, sugli stessi provvedimenti, applaudono. Roba da teatrino di ultima categoria.

«Che dite? Posso chiedere i complimenti retroattivi?», chiede in tono polemico. «Il ministro Speranza presenta le linee programmatiche in piena continuità con il mio lavoro. E di questo sono molto felice».

«Oggi arrivano perfino i complimenti dal Pd. E cioè da parte di chi ha sempre polemizzato, anche con puntute interrogazioni parlamentari, proprio su quel lavoro che stavo portando avanti io. Si vede che l’aria è cambiata. E uno stesso provvedimento con un’etichetta diversa appare più efficace per il bene del Paese».

Giulia Grillo lo scrive in un post su Facebook. Il riferimento è alle linee programmatiche illustrare da Roberto Speranza alle commissioni competenti.  L’attuale titolare del dicastero di lungotevere Ripa ha parlato in audizione.

Non è la prima volta che l’ex ministra è polemica. Qualche settimana fa è tornata infatti a parlare della sua esperienza di governo. E aveva attaccato Di Maio, senza farne il nome. «Avevo visto una serie di cose che non andavano e che ho fatto presente a chi di dovere».

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

In evidenza