Francia, in una chiavetta usb trovata ad Harpon i dati sensibili sui colleghi poliziotti

martedì 8 ottobre 15:46 - di Redazione
La cerimonia a Parigi in memoria dei 4 agenti assassinati giovedì da un loro collega MIchael Harpon convertito all'Islam e poi radicalizzato

Una chiavetta Usb contenente dati riguardanti alcuni suoi colleghi e video di propaganda. Ci sono anche immagini di decapitazioni. La chiavetta è stata trovata nell’ufficio dell’aggressore della prefettura di polizia di Parigi, Mickaël Harpon. E ora ci si chiede se il killer dei 4 poliziotti, informatico e, a sua volta, agente, li abbia diffusi e nel caso lo avesse fatto, a chi.

Nella chiavetta di Harpon le decapitazioni

Non si conosce il motivo per cui i dati contenuti sulla chiavetta usb siano stati raccolti da Harpon. Di sicuro i video di decapitazioni e di propaganda confermano il profilo del radicalizzato. Un profilo emerso all’indomani dell’assassinio dei 4 colleghi, giovedì scorso. E fanno temere che i dati riguardanti funzionari di polizia possano essere stati trasmessi a cellule terroristiche.

L’emittente Bfmtv ha rivelato l’inquietante particolare: i dispositivi informatici di cui era in possesso l’aggressore contenevano decine di migliaia di dati. Tra i quali c’erano anche indirizzi mail professionali.

In Francia c’è allarme

Gli inquirenti ora stanno analizzando i dati – documenti, mail, video, fotografie – contenuti sui computer e sulle chiavi Usb trovate.

Tra i dati trovati sulla chiavetta Usb nella disponibilità di Harpon anche nomi ed indirizzi di posta elettronica di agenti che lavorano alla Drpp. E cioè alla Direction du renseignement de la Préfecture de Police de Paris. La vicenda sta mettendo in allarme la Francia.
Gruppi di specialisti coordinano l’analisi di tutti i dati rinvenuti.

L’appello di Macron

Intanto Emanuel Macron chiama a raccolta il paese, dopo l’attentato contro la Prefettura di Parigi facendo un appello al nazionalismo francese «Da sole, le amministrazioni non ci riusciranno, l’amministrazione e i servizi dello stato non potranno avere ragione dell’idra islamista. E’ la nazione intera che deve unirsi, mobilitarsi ed agire – ha detto intervenendo durante la cerimonia in memoria dei 4 agenti assassinati giovedì da un loro collega Mickaël Harpon convertito all’Islam e poi radicalizzato – Dobbiamo ritrovare la forza delle virtù repubblicane che hanno sempre avuto la meglio. In gioco c’è l’avvenire di una nazione».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza