Cosenza, strage sulla statale 107: 4 giovani morti, due feriti

domenica 6 ottobre 11:04 - di Redazione

Quattro giovani morti e due feriti gravi. Questo il bilancio di un incidente stradale avvenuto questa notte sulla statale 107 Silana Crotonese, all’altezza del bivio per Rende, nella frazione di Saporito. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del comando provinciale di Cosenza, i sanitari del 118 e i carabinieri della compagnia di Rende.

Cosenza, le cause dell’incidente

Tra le possibili le cause dell’incidente, l’asfalto scivoloso della strada. Due le autovetture coinvolte nell’incidente. I quattro giovani deceduti viaggiavano a bordo della stessa auto che, per cause in corso di accertamento, si è scontrata con l’altro automezzo, sul quale si trovavano altri due giovani, ora in ospedale in condizioni gravi. Sono quattro amici cosentini, i ragazzi deceduti. A perdere la vita Alessandro Algieri 18anni, Mario Chiappetta 19 anni, Federico Lentini 18 anni e Paolo Iantorno di 19. Il drammatico impatto ha coinvolto un’altra auto con a bordo una coppia di 33 e 31 anni, rimasti gravemente feriti.

I soccorsi sono durati tutta la notte

Il tragico impatto ha coinvolto una Citroen C3 con a bordo la coppia rimasta gravemente ferita. Sul posto hanno operato tutta la notte i sanitari del 118, i vigili del fuoco del Comando provinciale di Cosenza, personale dell’Anas e le forze dell’ordine. L’Italia resta maglia nera nella Ue anche per incidenti stradali, come confermano le ultime statistiche. L’Italia si segnala per il problema delle due ruot. Lo studio individua la necessità di un’azione coordinata per modernizzare il parco veicoli (il 70% delle moto in Italia ha più di 10 anni), migliorare la manutenzione delle strade e il comportamento dei conducenti, che «tendono a sottovalutare l’importanza delle protezioni come casco, guanti e giacche. Il 28% dei decessi per incidenti stradali in Italia riguarda conducenti di motociclette (24%) e ciclomotori (4%), tra le percentuali più alte dell’Ue.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza