Cadaveri e cuoricini: così l’Isis fa propaganda su TikTok, il social per giovanissimi

martedì 22 ottobre 15:41 - di Natalia Delfino
tiktok

Video di propaganda dell’Isis sono stati scoperti sul social per giovanissimi TikTok. La piattaforma  permette di creare e condividere video di 15 secondi ed è utilizzata soprattutto da adolescenti e preadolescenti. I video dell’Isis proponevano immagini cruente e messaggi di propaganda in una forma coinvolgente e più rassicurante per i ragazzini. Sticker con cuori rosa, stelle e perfino simboli della pace “addolcivano” immagini di miliziani, di canti terroristi e di cadaveri per strada.

Su TikTok 500milioni di utenti giovani e giovanissimi

La notizia dei video e dell’oscuramento di una decina di account è stata diffusa in esclusiva dal Wall Street Journal, che ha ricordato come lo scorso anno TikTok sia stato utilizzato da 500 milioni di utenti nel mondo. Il social è stato la terza applicazione più scaricata nel 2018 e il 30% degli utenti ha meno di 18 anni. Sul caso è intervenuta Bytedance, la compagnia cinese proprietaria della piattaforma.

«Alle organizzazioni terroristiche e a qualsiasi altra organizzazione criminale – ha commentato – è severamente vietato l’uso di TikTok».

L’allarme degli esperti: «Difficile sradicare questi video»

L’allarme però sembra tutt’altro che rientrato, come sottolineato da Storyful, piattaforma di verifica dei contenuti online che ha segnalato la presenza degli account jihadisti.

«A differenza di altre piattaforme, che si basano sulle amicizie o sulle comunità degli utenti, TikTok si basa sul coinvolgimento degli utenti con un flusso infinito di nuovi contenuti», ha affermato il direttore Darren Davidson. «Le pubblicazioni dell’Isis violano le politiche di TikTok, ma il volume di contenuti rende difficile per TikTok sorvegliare e sradicare questi video», ha aggiunto.

I video su TikTok «più efficaci dei sermoni»

La stessa mole di traffico e interazioni generati dagli account rimossi conferma la portata dell’allarme: alcuni hanno raggiunto un migliaio di follower, prima di essere oscurati.

«Questo modo accattivante per propagare l’ideologia dell’Isis permette di diffondere rapidamente i messaggi e di farli aderire alla memoria collettiva. Tende ad essere molto più efficace dei sermoni o dei trattati teologici», ha detto al Wsj Elisabeth Kendall, esperta di estremismo all’Università di Oxford. «La rima, il ritmo, i testi evocativi e i messaggi incisivi sono particolarmente attraenti per i giovani», ha concluso.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza