Zaia fulmina Conte: «Babbo Natale è un dilettante in confronto a te»

lunedì 9 settembre 17:34 - di Federica Argento

La lista delle meraviglie, improvvisamente. «Babbo Natale ne esce come un dilettante dopo aver sentito la lista della spesa di Conte che ha omaggi e regali per tutti». Così con una battuta caustica il governatore del Veneto, Luca Zaia “fulmina” il programma del premier presentato alla Camera, che presenta una lista della spesa sconcertante. Fa ridere il mondo dei sogni illustrato dal premier, se non ci fosse da essere furibondi. Infatti il nocciolo è proprio questo. «Dico a Conte: hai governato per 15 mesi e ti sei dimenticato di fare tutte queste cose? E se non ti sei dimenticato, perché non le hai fatte, come ad esempio per gli asili? “Faremo gli asili gratis ha detto”, perchè non lo ha fatto prima?».

Zaia: «Sull’autonomia promesse tradite»

Il ridicolo corre sul filo. Conte premier di due governi di opposto segno. Il governatore del Veneto Zaia mette in luce tutte le falle e  va giù duro. Conte aveva dato la sua parola sull’autonomia. Invece. «Caro premier l’autonomia ce l’avevi promessa nel corso di una conferenza stampa a dicembre 2018, assicurando che la partita si sarebbe chiusa entro febbraio 2019. Siamo a settembre e non abbiamo visto nulla, qui qualcosa non torna». «In ogni caso, il banco di prova saranno i fatti: sull’autonomia siamo preoccupati, ma non cediamo – assicura Zaia – l’autonomia è legale, è prevista dalla legge, e a Roma devono sapere che i veneti hanno dalla loro la forza di un referendum, che hanno votato, e che loro non volevano farci fare».

Come farà Conte a governare col Pd e a far quadrare il passato? «Ricordo poi che Conte, se avrà la fiducia del Senato oltre che della Camera, governa con un partito, il Pd che aveva impugnato il referendum, e che abbiamo fatto perché abbiamo vinto in Corte Costituzionale, un partito che ci ha anche impedito di usare la tessera elettorale per il referendum», incalza Zaia. «Adesso vorrei capire come faranno a fare l’autonomia con i 5 Stelle che ci hanno preso in giro per 15 mesi e un Pd che non ha mai voluto darci l’autonomia – si chiede Zaia – magari saranno folgorati sulla via di Damasco e questo potrebbe portarci bene…».

I

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi