Usa, arrestato manager Fca a Detroit. Avrebbe mentito sulle emissioni diesel

24 Set 2019 18:45 - di Redazione

Emanuele Palma, manager di Fiat Chrysler Automobile, è stato arrestato negli Stati Uniti nell’ambito dell’inchiesta che il dipartimento di giustizia sta portando avanti sulle emissioni dei veicoli diesel. A renderlo noto è stata la signora Gina Balaya, portavoce dell’ufficio del procuratore distrettuale di Detroit. Palma, secondo quanto si è saputo, dovrebbe adesso comparire in tribunale (probabilmente alle 20 italiane) dove dovrà difendersi dall’accusa di aver cospirato e mentito per ingannare i regolatori, i clienti e il pubblico sui sistemi di emissioni utilizzati sui veicoli diesel di Fca negli Usa. “Stiamo aspettando i dettagli. Continueremo a collaborare con le autorità. Non abbiamo niente da aggiungere al momento”. Un portavoce di Fca ha così commentato la notizia dell’arresto dell’ingegnere pur non aggiungendo nulla rispetto all’accusa accusa, rivolta a Palma, di aver cospirato per ingannare le autorità e il pubblico sulle emissioni diesel. Il titolo Fca, dopo la notizia, ha esteso il ribasso fino al 2% alla Borsa di Milano. A New York perde l’1,86%. Da rilevare che, intanto, la Corte di giustizia dell’Ue ha confermato la decisione della Commissione europea sugli aiuti di stato del Lussemburgo a Fca, rigettando quindi il ricorso dell’azienda. Gli esperti di Bruxelles avevano contestato alla società di aver usufruito di un «vantaggio fiscale indebito».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA