Stazione Termini, terra di nessuno. Polfer e carabinieri in azione: arresti e denunce

domenica 1 settembre 9:15 - di Redazione

Nuovi controlli nella zona della Stazione Termini, nuove denunce. Un’area nelle mani della delinquenza comune, sia italiana che straniera. Scippi e aggressioni sono all’ordine del giorno La polizia ferroviaria per il Lazio ha controllato 988 persone, effettuato 6 denunce e 4 contravvenzioni in materia ferroviaria e rintracciato un minore, affidato poi al centro di accoglienza per minori. In particolare le pattuglie in servizio presso il Reparto di Polizia Ferroviaria di Roma Termini hanno denunciato due 30enni di nazionalità rumena poiché non rispettavano il divieto imposto dal foglio di via obbligatorio emesso dal questore di Roma. Una terza persona, un 40enne di nazionalità francese, è invece stata denunciata per violenza a incaricato di pubblico servizio poiché, all’entrata dell’ufficio Postale nei pressi della Stazione Termini lato via Marsala, ha aggredito a pugni una guardia giurata.

Un altro cittadino straniero, un ventenne di nazionalità indiana, è stato denunciato per essersi rifiutato di fornire le generalità a un capotreno impedendogli così di poter procedere alla redazione di atti d’ufficio. Inoltre un cittadino italiano di 39 anni, sottoposto a controllo, è stato denunciato per reati di truffa operati con mezzi informatici.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

In evidenza

contatore di accessi