Salvini a Pontida tra cori e applausi. L’attacco choc del deputato: Mattarella mi fa schifo (video)

sabato 14 settembre 19:02 - di Redazione

“Questo presidente della Repubblica, lo posso dire? Mi fa schifo”. E’ l’attacco di Vito Comencini, deputato della Lega e consigliere comunale del Carroccio a Verona, dal palco dell’Assemblea dei giovani della Lega, in corso a Pontida. “Mi fa schifo chi non tiene conto del voto del 34% degli italiani”, aggiunge. “Certo – conclude – anche Pertini è andato a baciare la bara di Tito, quello che ha fatto le foibe”. La foto ritraeva però Pertini nell’omaggio alla bara di Berlinguer e non a quella di Tito.

Un attacco durissimo da Pontida al Quirinale, dunque, che ricorda i tempi dello scontro tra la Lega di Umberto Bossi e i precedenti Capi dello Stato, Scalfaro e Napolitano. Ad attendere Matteo Salvini a Pontida c’era una folla infuriata, che scandiva lo slogan “Elezioni, elezioni”.

Così i giovani leghisti hanno accolto il loro leader, che li ha arringati: “Nel ’92 qui per la prima volta, 27 anni fa, ora siete voi garanzia che Pontida non morirà mai”.

Quindi Salvini ha indirizzato la sua foga contro il Pd: “Renzi, Zingaretti, Franceschini e la Boschi non possono usare la parola comunista, perché i comunisti di un volta erano persone serie, Berlinguer si rivolterebbe nella tomba, questi non sono comunisti, sono poltronari”. Parole accompagnate dal coro dei giovani:  “Chi non salta comunista è”.

Non è mancata l’ironia su Luigi Di Maio: “Portate rispetto al ministro degli Esteri”, ha detto infatti  Salvini rispondendo al coro dei ragazzi che urlavano “Di Maio torna al San Paolo”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica