Quando il bianco Bergoglio e il giallo Conte resuscitano il rosso comunista

giovedì 5 settembre 6:00 - di Francesco Storace

Governo Conte, il diavolo e l’acqua santa. Chissà se è un caso che il bianco e il giallo siano i colori della bandiera vaticana. Fatto sta che si potrebbe ironizzare a lungo su quei brutti cosacchi rosso-comunista che arrivano di nuovo ad abbeverarsi a palazzo Chigi – e non a San Pietro – grazie al bianco papalino e al giallo grillino. Leu al governo col 3 per cento dei voti, la Boldrini che detta la linea, tra poco Oltretevere verseranno lacrime amare. Perché poteva anche dare fastidio il Santo Rosario in piazza, ma ora rischiano di non tenerlo nemmeno in tasca. Bergoglio ha benedetto Conte in un incontro definito anomalo per il protocollo al funerale del cardinale Silvestrini. I credenti lo malediranno, questo premier. E anche chi si è fatto fregare nel nome dei migranti come il Papa venuto dall’altra parte del mondo e che molti rimanderebbero volentieri laggiù.

I plauditores di Bergoglio

Il governo partorito ieri al Quirinale nasce con il controproducente incoraggiamento della Chiesa. Perché ne diventerà il nemico oggettivo. Certo, in parrocchia qualcuno continuerà a pronunciare omelie comiziali come da qualche tempo a questa parte. Civiltà cattolica fingerà per un po’ che ci sia ancora Salvini al Viminale. Ma è evidente che ci si aspetta la contropartita: più immigrati, che è un business sempre remunerativo. E magari un ritocchino all’Ici su immobili senza sacralità. Tutto questo potrà avvenire se Papa Bergoglio e i suoi plauditores se ne staranno zitti su questioni di ben altra portata.
Sono certi, al Cupolone, che la famiglia resterà ancorata al principio del diritto naturale?
Quanto costerà ai cattolici la sottomissione al governo che nasce con la minaccia di garantire l’utero in affitto?
Sarà consentito predicare ai nostri figli il rifiuto della droga?
La condizione omosessuale – che resta un diritto della persona – diventerà addirittura una “conquista” con le adozioni gay?
Non osiamo pensare alle più belle tradizioni cristiane, continuamente messe in discussione in un dibattito politico che in questi anni ha chiuso gli occhi persino di fronte all’oltraggio del Natale, del Crocifisso e del Presepio. Diventerà la regola.

No al Rosario, ma Beppe Grillo può parlare con Dio…

Prepariamo i cattolici a subirne un’altra ancora, con l’esecutivo benedetto dalla Chiesa che procederà a tamburo battente sull’eutanasia.
Perché sennò come dimostrano il cambiamento rispetto al governo Conte (quello di prima…)…
A chiunque verrebbe più di un sospetto, rispetto al sacrificio dei valori predicati, ma non più praticati. Sembra essersi aperta una stagione davvero brutta per chi crede. Nel nome del potere e contro ogni prassi democratica. Non sarà certo un caso che quei troppi preti che sbraitavano contro l’uso del Rosario, non abbiano pronunciato una sola parola contro la blasfemia targata Beppe Grillo. Per far partire il governo, ha scomodato persino Nostro Signore (“ci ho parlato”, ha ridacchiato comunicandolo al mondo).
E’ un danno enorme aver detto sì a Conte per un governo che rischia di provocare disastri seri. Auspichiamo solo che la previsione sulla breve durata che gira nelle stanze del Quirinale – anche per la scarsezza del programma – sia reale. Oggi, comunque i ministri vanno a giurare. Ma sulla testa degli italiani, mica la loro.
Dobbiamo pregare da soli, Bergoglio sta con loro. Per ora. Noi lunedì saremo in piazza.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • FAUSTO 6 settembre 2019

    ora la croce su Salvini per aver staccato la spina, dimenticandosi FDI e FI di aver supplicato Salvini di staccare la spina. Purtroppo bisognava staccare la spina anche a Mattarella, fedele esecutore della Carta ma pessimo presidente degli Italiani come l famigerati Oscar e Giorgio.
    Viva la Lega di Salvini, Viva l’Italia. Il Vaticano è sempre stato la rovina dell’Italia,

  • Laura52 5 settembre 2019

    Questo papa comunista non può che essere d’accordo con i comunisti! Ma se ha appena dichiarato, volando in Africa, che per lui è un onore essere criticato dagli americani! Qualcuno deve spiegargli che, anche se non capisco come e perché, lui è il papa! Deve collega il cervello alla bocca prima di parlare! Non può continuare a mostrare impunemente il suo disprezzo verso chi non la pensa come lui! Già è riuscito a fare ciò che neppure al PCI era riuscito: ha allontanato tantissime persone dalla chiesa. Mi piacerebbe sapere di quanto sono calate le donazioni dell’8 per mille alla chiesa cattolica!

  • Dott. Luigi Casiraghi 5 settembre 2019

    Perché non la finite di scrivere sciocchezze!? Ve la pigliate anche con il Papa per sostenere un balordo, che tanto male ha fatto all’Italia in soli, per fortuna, 14 mesi! Dovete proprio avere la testa dura, per non accorgervi delle porcate, che ogni giorno andate scrivendo!

  • Lorenzo 5 settembre 2019

    La “chiesa conciliare” è al servizio del Nuovo Ordine Mondiale da un pezzo. Non è più Gesù Cristo al centro di tutto, bensì l’Uomo. Esattamente come per la Massoneria. Il programma della “chiesa conciliare” e della Massoneria coincide. La Chiesa Cattolica non è scomparsa, durerà sempre, così come il Santo Sacrificio della Messa (la Messa di sempre, in latino), ma è come eclissata, ridotta a un piccolo gregge. In ogni caso, coraggio sempre!

  • fabio dominicini 5 settembre 2019

    Come mai il capo della cristianità Bergoglio tifa per il partito dell’aborto,della famiglia omosessuale, dell’eutanasia !?
    Come mai è il paladino dell’accoglienza dei migranti,che sono nella stragrande maggioranza di religione islamica !? Vuole forse che il cattolicesimo cristiano diventi minoranza !?
    Vuole forse che dalle scuole e dagli uffici pubblici vengano tolti i crocefissi, che vengano eliminate le feste religiose, i presepi….!?
    Se vuole tutto ciò è sulla buona strada ! Ed intanto le Chiese sono sempre più vuote !

  • Giuseppe Forconi 5 settembre 2019

    Per favore cercate di non far girare per gli altri Paese del Mondo la nostra situazione, anzi appellatevi alla stampa ( sempre menefreghista) di non informare il Mondo in merito.Fate in modo di far tacere che Grillo e di questi parti e che i preti dovranno presto spretarsi ma senza rosario, questo lo dovranno lasciare attaccato alla tonaca. Quando avete un minuto pregate bergoglio se puo’ venire ha fare da vice ministro a Di Maio, cosi’ gli puo’ dare una mano ad ampliare l’invasione. Alla loro prima riunione alla camera dovrenno decidere il nuovo nome per la capitale d’Italia. Vi do’ qualche suggerimento: Lagos – Khartoum – Benin – N’Diamena – Accra – Rabat e tante altre tanto i loro abitanti sono gia’ qui’ da noi. Che brutta fine, me lo dicevano ma non volevo crederci.

  • Giuseppe Forconi 5 settembre 2019

    Certo che bergoglio ha sbagliato mestiere, dovevano metterlo a capo dei 5 stelle, avrebbe spopolato. Vela immaginate “Lagos” capitale d’Italia, con la boldrini come primo ministro? Roba da sbudellarsi dal ridere, ma forse ci stiamo avvicinando.

  • emilio gregori 5 settembre 2019

    egrgregio direttore

    ricordare, all’argentino,e non solo a lui,che.
    i cristiani perseguitati,dai romani furono,circa due mila.
    e che solo nella guerra civile spagnola,preti,suore,furono non meno di sette mila.
    ricordiamo solo una parentesi commessi dagli amici,di zingaretti e compagni.non dilungandomi,
    grazie

  • maurizio pinna 5 settembre 2019

    Con i debiti temperamenti temporali è molto simile al Governo di Salvador Allende nel Chile del 1970, simile anche il comportamento del clero, quel che è certo è che l’opposizione ad un governo sostanzialmente marxista-leninista non può toccare solo a Giorgia e Salvini ma dovrà vedere la partecipazione corale di tutte le categorie interessate, se invece andranno in ordine sparso, o peggio, piagnucolando una volta all’anno in qualche pseudo riunione o andando ad esternare qualche rampogna in TV, i compagni bolscevizzeranno il Paese, con l’aiuto dei soliti gazzettieri, giullari, commissari politici presentatori e artisti vari d’accatto e da strapazzo.

  • Silvia Toresi 5 settembre 2019

    Che tristezza!!!!!!!!

  • In evidenza

    contatore di accessi