Migranti, guerra totale: Ong e Pd contro la Lamorgese. Orfini: “E’ come con Salvini”

mercoledì 11 settembre 11:40 - di Chiara Volpi

Le ultime vicende migratorie vedono lo scontro tra Ong, governo e Viminale consumarsi in mare aperto: sulla vicenda Alan Kurdi, l’esecutivo giallorosso blocca la nave della Sea Eye e apre un contenzioso con Ong, migranti e La Valletta che si smorza solo con lo sbarco concesso all’ultimo dall’isola di Malta. Ma il Pd non ci sta e unendosi alle recriminazioni delle Ong, attacca la neo-titolare del Viminale: Orfini tuona: «Cacciare Salvini e tenersi le sue politiche non mi pare geniale»…

Migranti, le Ong si fanno sentire: Malta risponde

Gli ultimi cinque naufraghi rimasti a bordo della nave Alan Kurdi della Ong Sea eye hanno raggiunto l’isola di Malta. La conferma arriva dalla stessa Ong. «La sesta missione di Alan Kurd finisce oggi», ha postato su Twitter nelle scorse ore. Il governo maltese aveva reso noto: «Due paesi Ue prenderanno i migranti che si trovano a bordo. Dopo colloqui con la Commissione Europea, Malta ha deciso di partecipare ad una soluzione europea che sbloccasse l’impasse offrendo la possibilità dello sbarco». Rivelando La Valletta una disponibilità alla mediazione inedita o quantomeno rara e poco sudata rispetto a quanto accaduto nei 14 mesi di Salvini al Viminale. Resta ancora in attesa la Ocean Viking. A bordo della nave di Sos Mediterranee e Msf si trovano al momento 84 naufraghi. Ai 50 già soccorsi nei giorni scorsi, se ne sono infatti aggiunti i 34 trasferiti dalla barca a vela #Josefa. Intanto, nei giorni scorsi, il Centro di coordinamento del soccorso marittimo della Guardia Costiera italiana aveva negato alla nave di entrare, transitare e fermarsi in acque territoriali italiane. Il capo missione della imbarcazione nei giorni scorsi aveva chiesto aiuto ai centri di coordinamento per il soccorso marittimo di Italia, Francia, Spagna e Portogallo per i cinque migranti, dei 13 salvati, ancora a bordo. E per tutta risposta la Ong ha mostrato su Twitter la comunicazione delle autorità italiane in cui si cita il decreto sicurezza. E tra un’emergenza e l’altra, nonostante il premier Conte insista a raffreddare i toni e ad annacquare le situazioni, note e comunicati delle varie Ong in azione postano e twittano tutte lo stesso appello: «Ora basta. @Viminale li faccia sbarcare»…

Le proteste del Pd contro la ministra Lamorgese

Del resto, su migranti e Ong, Conte, Lamorgese e Di Maio hanno dimostrato e dichiarato di voler invertire la rotta: premier e ministri dell’Interno e degli Esteri sono già alle prese con una nuova linea di condotta che vira in direzione diametralmente opposta a quella varata e seguita da Salvini vice-premier e titolare del Viminale: stop ai porti chiusi e, soprattutto, remissione totale rispetto agli scorazzamenti delle Ong nel Mediterraneo. Il diktat del trasformista Conte, ieri adeguatosi alla politica dei flussi leghista, oggi pronto a rivedere tutto nel segno dell’inciucio con il Pd, punta ad affermare prima di tutto arrivare una maggiore collaborazione con l’Ue che, va ricordato, su redistribuzione e accoglienza ha fin qui risposto picche…La strategia di Palazzo Chigi sulla questione migranti è chiara: superare Dublino e tornare al sistema delle quote da redistribuire per una gestione meno personalizzante e più performante a livello di Unione europea. E in questo nuovo prendere le misure, il Pd già lamenta dissonanze e contrarietà rispetto ai desiderata dem in materia di immigrazione: e da Largo del Nazareno fioccano in quantità le prime proteste contro la minista Lamorgese. tanto che, torna alla carica lancia in resta il solito Mattero Orfini che attacca: «Il primo atto del nuovo governo è chiudere i porti alla Alan Kurdi che è ancora in mare con solo cinque naufraghi a bordo. Così non va bene, per niente. Cacciare Salvini e tenersi le sue politiche non mi pare geniale. Chiedo al governo di correggere subito questo errore». Ma l’ultima parola, come detto, a questo punto spetta a Bruxelles…

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Sessantottino 11 settembre 2019

    Cacciare Salvini? E chi l’avrebbe cacciato, tu? Fatti visitare amico mio,ne hai necessità, e anche urgente, anche per altri tuoi problemi

  • In evidenza

    contatore di accessi