Mandate Mark Zuckerberg alla Rai per trasformarla in una tv-censura modello Fb

giovedì 12 settembre 12:11 - di Francesco Storace

Era la Bbc il modello da seguire, ora diventerà Facebook lo specchio della Rai. Se prende piede la vocazione censoria invocata in maniera assolutamente trasparente e con una faccia tosta stupefacente dal deputato del Pd Michele Anzaldi, a viale Mazzini e Saxa Rubra sarà vietato l’ingresso a chi è di destra.
Il Pd ha pronto un “dossier”, dimenticando quanto ha gozzovigliato nell’azienda del servizio pubblico persino dall’opposizione. E ora pretendono che rotolino teste non conformi perché a loro non va giù la democrazia. Del pluralismo se ne fottono.

E’ regime: del resto, se Fiano va agli Interni…

La voglia di regime al Nazareno è incontenibile. Perché non c’è solo il deputato renziano che minaccia dossier da presentare a Conte sulla Rai che esaltava pure il neoalleato Di Maio. E in fondo basterebbe chiedere a Mark Zuckerberg di fottersi la presidenza aziendale per spazzare via ogni traccia di opposizione. Ma che si preparino al peggio lo individuiamo anche nelle scelte peggiori di governo. Sarà scandaloso vedere Emanuele Fiano agli interni. Perché è ossessionato dalla faziosità, provocherà ogni giorno con le sue sparate, qualcuno ci cascherà, saranno guai. Non prevedere robe del genere non fa di Nicola Zingaretti un leader lungimirante. Tutt’altro: più statistico che statista, perché più che l’Italia gli interessano le percentuali delle correnti interne. Del resto, Fiano non è più un problema nemmeno per quei Cinquestelle che dimenticano il processo che gli è stato intentato da Gianroberto Casaleggio. Penosi.

Pedinano la Rai, più che controllarla

In fondo, si muove nello stesso solco – anche se si detesta col capo del partito – lo stesso Anzaldi. Con le sue intemerate antiRai, egli lancia segnali all’interno dell’azienda: vi controlliamo, vi pediniamo e ora siamo tornati. A prescindere dal popolo, dovete obbedire a noi.
Prende di mira i direttori che non gli piacciono, a partire da Gennaro Sangiuliano, la cui colpa è di non essere di sinistra. Qualcuno spieghi ad Anzaldi che non è di sinistra l’80 per cento degli italiani…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi