Lavinia come Greta: vuole pulire Villa Borghese ma la Raggi non è Trump. E la ignora

giovedì 26 settembre 16:44 - di Redazione

L’hanno già ribattezzata la nuova Greta, la tredicenne che, armata di buone intenzioni e mossa dalla causa ambientalista, ha trascorso l’estate in attesa del fatidico giorno di settembre fissato in  calendario in cui, insieme ad altri amici e volontari muniti di sacchi, guanti e pinze varie per raccogliere quello che avrebbero trovato a terra, sarebbero partiti alla volta di Villa Borghese decisi a raccogliere quello che avrebbero trovato a terra e a pulire la zona intorno al laghetto del parco verde del centro di Roma «perché, tra cartacce e bottiglie, non è messa bene». Peccato, però, che a tanta buona dedizione e buona volontà non sia seguita altrettanta sollecitudine e disponibilità dalla sindaca Raggi che, ignorata la richiesta d’autorizzazione indirizzata dalla ragazzina al Campidoglio, non ha garantito il via libera in tempo utile. O meglio: non ha proprio risposto…

Lavinia come Greta: vuole pulire Villa Borghese ma la Raggi la ignora

Eppure di tempo ce n’era: a Lavinia, 13 anni, l’idea era venuta quest’estate. Scelta la data, un sabato di inizio settembre, visto che «non c’è scuola e ancora non ci sono troppi compiti», si era messa in moto, con l’aiuto dei genitori, per chiedere l’autorizzazione del Comune. Ma dopo un mese tra telefonate e mail e l’assicurazione che sul via libera non ci sarebbero stati problemi, il disco verde non arriva. Contatti fino all’ultimo giorno prima dell’appuntamento per le grandi pulizie, poi dal Comune solo silenzio. Ma Lavinia non ci sta: posta una storia su Instagram, chiama i compagni a raccolta per un sit-in nel parco e piazza un cartello che denuncia vicenda e rammarico: «Volevamo pulire ma il Comune non risponde. Si parla tanto di ambiente e impegno ma così non ci lasciano speranze».

Dopo mesi di rassicurazioni non arriva il via libera del Campidoglio

«Sono rimasta tanto male, sentivo che tutto quello che avevo fatto era inutile, non importava a nessuno. Ma non volevo farla passare così. Ho fatto una storia su Instagram, invitando i miei amici a venire al sit-in e alla fine eravamo una decina. Sono stata contenta», racconta Lavinia all‘Adnkronos, un IV ginnasio del Classico iniziato da poco meno di un mese, una passione per l’hip hop e la voglia di «fare di tutto per cambiare quello che non mi piace e non è giusto». Di dare una sveglia a istituzioni e società civile. Un ardore ambientalista e una passione civile andatisi a scagliare contro il muro di silenzio eretto dal Campidoglio. E intanto Virginia Raggi continua a tacere e a deludere i romani, anche quelli benintenzionati e appassionati come la 13enne Lavinia, oggi anche lei entrata di diritto nell’universo sempre più popoloso dei delusi e scoraggiati da sindaco e Campidoglio.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Mauro Collavini 30 settembre 2019

    Non mi sembra che Lavinia sia come Greta:La prima va premiata per la buona volontà mentre la seconda va rimandata a scuola ad imparare a fare prima che parlare e dire cose ovvie ed a conoscenza di tutti.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica