Formigli “stecca” sul derby Capitana vs. Capitano. La sua intervista a Carola è un flop

20 Set 2019 14:11 - di Niccolò Silvestri

Tanto rumor per nulla. Corrado Formigli non lo ammetterà mai, ma la sua intervista a Carola Rackete si è rivelata un mezzo flop. Detto in linguaggio matematico, l’interesse suscitato dalla comandante della Sea Watch video-collegata da Berlino con gli studi di PiazzaPulita è stato alla fine inversamente proporzionale al trambusto pubblicitario che ne ha annunciato la presenza. Molti i delusi, a cominciare probabilmente dal conduttore che si aspettava una Carola tutta d’attacco e smaniosa di suonarle al truce Salvini. Ma non c’è stato verso di smuoverla dal suo aplomb istituzionale. E dire che Formigli le ha provate per strapparle un insulto, un’occhiataccia assassina, una velata minaccia. Niente. Non sono servite le immagini del raduno di Pontida e neanche il «ricca, comunista e viziata» urlato al suo indirizzo dall’ex-ministro dell’Interno. Insomma, del tanto atteso derby a distanza tra il Capitano e la Capitana non c’è stata traccia. E neanche dell’intervista, in verità. Troppo contento il Formigli di averla in collegamento per farsi tentare dall’idea di rivolgerle qualche domanda un po’ più cazzuta. Con qualche cautela e un po’ di imbarazzo gliel’ha fatto notare Alessandro Sallusti. «Mi sarebbe piaciuto che ci spiegasse perché ha deciso di portare i migranti a Lampedusa quando i porti sicuri più vicini erano Malta e Tunisi. Oppure se è vero che è stato il ministro dell’Interno tedesco a ordinarle di sbarcare i migranti in Italia», ha lasciato cadere senza infierire, il direttore del Giornale. «È evidente – ha aggiunto – che la Rackete parla e agisce da leader politica». Che Sallusti avesse ragione da vendere lo conferma indirettamente un post della senatrice Paola Nugnes, ex-5Stelle ora al gruppo misto: «Che bello – vi si legge – se Carola Rackete fosse stata il capo politico del M5S! Partiti così e finiti con Luigi Di Maio?». Difficile darle torto: la Capitana sarà antipatica, ma almeno ha dimostrato di non essere ossessionata da Salvini. Solo Formigli, poverino, non se n’era ancora accorto.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA