Fdi: “Dopo il voto europeo sul comunismo l’Italia revochi l’onorificenza a Tito”

mercoledì 25 settembre 13:21 - di redazione

Lo avevamo scritto nei giorni scorsi. Quanto deciso in sede europea sui crimini del comunismo non può restare inascoltato in Italia.
E siccome anche da Strasburgo è arrivata la condanna al comunismo bisogna agire di conseguenza. Con la risoluzione approvata, il Parlamento Europeo “ricorda che i regimi nazisti e comunisti hanno commesso omicidi di massa, genocidi e deportazioni, causando, nel corso del XX secolo, perdite di vite umane e di libertà di una portata inaudita nella storia dell’umanità” e così condanna definitivamente anche il comunismo per aver commesso dei crimini contro l’umanità e per le massicce violazioni dei diritti umani.

De Carlo: “Il sanguinario maresciallo non merita onori dall’Italia”

“A questo punto chiedo con fermezza che anche l’Italia sia coerente con quanto riconosciuto in Europa e si appresti ad approvare con la massima urgenza la mia proposta di legge depositata in Parlamento da circa un anno per la revoca delle onorificenze dell’Ordine al merito della Repubblica italiana a Josip Broz Tito, il sanguinario «maresciallo Tito» – dichiara l’On. Luca De Carlo FdI – E’ assurdo pensare che dal 1970 l’Italia riconosca al Presidente della Repubblica socialista federativa di Jugoslavia, l’onorificenza dell’Ordine al merito della Repubblica italiana – cavaliere di gran croce, decorato di gran cordone, mentre dal resto d’Europa prendiamo lezioni di civiltà e di opportunità fino al punto di esporci alla critica per l’apposizione di una statua in onore di Gabriele D’Annunzio. Sono ben altri i titoli d’onore che l’Italia deve rivedere, non presto, ma adesso!” E’ quanto ha dichiarato il deputato di Fratelli d’Italia, primo firmatario della proposta di legge presentata il 18 ottobre 2018.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza