De Carlo (FdI) alla Bellanova: «Sugli Ogm hai sbagliato e non puoi decidere tu»

giovedì 12 settembre 14:07 - di Redazione
«Sull’apertura all’utilizzo degli Ogm e sulla ratifica del trattato Ceta, consiglio al ministro Bellanova di evitare fughe in avanti senza un confronto con la  commissione, il Parlamento e la sua stessa maggioranza. Su questi aspetti, non mi risulta ci sia condivisione all’interno della nuova compagine di governo». Luca De Carlo,  deputato di Fratelli d’Italia e segretario della Commissione Agricoltura, replica alle dichiarazioni del neo-ministro all’Agricoltura, Teresa Bellanova che due giorni fa ha annunciato di voler aprire al Ceta. «Sono temi che vanno discussi in commissione e in Parlamento, le sensibilità dei parlamentari sono molto diverse dalla sua», commenta De Carlo. «Sugli Ogm, abbiamo sempre avuto una posizione di totale chiusura: basti ricordare che è da oltre cinque anni che il Comune di Calalzo prima e l’intera Unione Montana Centro Cadore poi, enti che ho l’onore di presiedere, hanno adottato una delibera “zero Ogm” per dichiararsi enti antitransgenici. Tutelare l’agricoltura, e in particolare quella di montagna, vuol dire anche difendere la storia delle nostre produzioni e le loro peculiarità». Anche sul trattato Ceta, sottolinea De Carlo, «bisogna fare valutazioni approfondite, non basta il paravento della firma da parte dell’Unione Europea per costringerci a sottoscrivere un trattato che rischia di essere nocivo per la nostra agricoltura e per i nostri produttori». «Il ministro Bellanova – conclude De Carlo – prima di prendere posizioni così nette e decise, si confronti con il Parlamento e, soprattutto, con la sua stessa maggioranza: vedrà che le sue idee non sono condivise dai suoi stessi alleati. È un suggerimento, per evitare figuracce e discussioni».
Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Sabatangelo 13 settembre 2019

    La priorita’ di un politico Italiano dovrebbe essere la protezione dell’Italia. M forse chi e’ al potere adesso non e’ Italiano.

  • Enzo 12 settembre 2019

    La cosa più interessante sarebbe sapere quali e quanti sono gli Enti di cui il tizio dichiara essere Presidente! Per il resto non mi risulta che la Ministra abbia già deciso quello che il tipo da già per scontato tanto per fare e alimentare le solite polemiche.

    • Francesco Storace 12 settembre 2019

      Il “tipo” è un parlamentare di assoluto valore

    In evidenza

    contatore di accessi