Cuore, ricerca italiana: la cura della fibrillazione atriale passa per il Dna

venerdì 13 settembre 15:35 - di Redazione

È un debutto assoluta scala mondiale ed è tutto made in Italy. Per la prima volta, infatti, è stato generato per la prima volta un modello cellulare umano di fibrillazione atriale. Un risultato ottenuto da ricercatori italiani tra Milano e Brescia, riprogrammando cellule del derma – prelevate a due fratelli appartenenti ad una famiglia affetta da una forma di fibrillazione atriale non trattabile farmacologicamente – in cellule staminali. La fibrillazione atriale, ricordano i ricercatori, è l’aritmia cardiaca più comune che colpisce l’1-2 per cento della popolazione mondiale, percentuale che sale a oltre il 15 per cento dopo gli 80 anni ed è una delle principali cause di ictus, insufficienza cardiaca, morte improvvisa e morbilità cardiovascolare nel mondo.

La fibrillazione atriale si sviluppa anche per via genetica

Oltre all’età, altri fattori concorrono all’insorgenza della fibrillazione atriale, tra questi la predisposizione genetica: avere infatti un parente di primo grado affetto da tale patologia, aumenta significativamente il rischio di svilupparla. La ricerca è stata portata avanti dal laboratorio di Riprogrammazione cellulare dell’università di Brescia, sotto la guida di Patrizia Dell’Era, e dal PaceLab dell‘università degli Studi di Milano, sotto la guida di Andrea Barbuti e Mirko Baruscotti, in collaborazione con altri centri nazionali e internazionali. Nel lavoro, pubblicato su Cardiovascular Research, i ricercatori spiegano le tappe della ricerca. Una volta “trasformate” in staminali, infatti, le cellule pluripotenti sono state differenziate in cellule cardiache e si è potuto così dimostrare che le cellule cardiache di questi pazienti presentano grosse alterazioni nella funzione di due proteine (canali ionici di calcio di tipo L e canali funny) che le rendono più aritmiche, cioè malate, rispetto a cellule analoghe ottenute da persone sane.

Ne è colpito l’1-2 per cento della popolazione mondiale

Nello studio viene anche mostrato che il trattamento delle cellule con il farmaco Ivabradina, un bloccante del canale funny già utilizzato nel trattamento dell’angina e dello scompenso cardiaco, riduce alcune delle alterazioni elettriche legate alla patologia, almeno in questo caso specifico di fibrillazione atriale. «Per questo caso di fibrillazione atriale – è la conclusione cui sono giunti gli autori dello studio, realizzato anche grazie al sostegno della Fondazione Cariplo – è stata confermata una base genetica. Ci aspettiamo che ulteriori ricerche possano ampliare lo studio dei meccanismi di insorgenza della malattia e proporre nuove opzioni terapeutiche in un’ottica di medicina personalizzata»

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi