CasaPound, Marsella col bavaglio in aula per protestare contro la censura dei social

giovedì 12 settembre 14:14 - di Redazione

Si è presentato in aula con un bavaglio rosso ed è rimasto in silenzio durante il consiglio del X Municipio di Roma. È la protesta messa in scena questa mattina dal consigliere di CasaPound, Luca Marsella, dopo la censura di Facebook ed Instagram di migliaia di profili e pagine legate al movimento della tartaruga. “Dopo la censura sui social, oggi ho deciso di presentarmi in aula e seguire il consiglio con un bavaglio, senza dire una parola. – si legge in una nota – Hanno chiuso la bocca ad un consigliere democraticamente eletto con il 9% dei voti ed accettare passivamente quello che è accaduto o festeggiare come hanno fatto la Boldrini, Zingaretti, giornalisti e centri sociali, può essere molto pericoloso. So di essere politicamente scorretto per questo sistema marcio, ma la libertà è un dovere. Non dimentichiamolo”. CasaPound ha presentato una diffida a Facebook e promesso una class action.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi