Brexit, Johnson vede Juncker e conferma: «Nessun rinvio. Fuori il 31 ottobre»

lunedì 16 settembre 17:13 - di Redazione

Il primo ministro britannico Boris Johnson “ha ribadito” al presidente uscente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker, durante l’incontro a colazione in Lussemburgo, “che non richiederà un rinvio e che farà uscire il Regno Unito dall’Ue il 31 ottobre”. Lo ha comunicato un portavoce di Downing Street. Juncker e Johnson, ha aggiunto il portavoce, “hanno preso atto dei colloqui in corso” tra i negoziatori e il primo ministro “ha riconfermato il suo impegno all’accordo del Venerdì Santo e la sua determinazione a raggiungere un accordo con la rimozione del backstop, che i parlamentari britannici possano appoggiare”. I due leader “hanno concordato che le discussioni devono farsi più intense e che gli incontri” tra le delegazioni “presto avverranno su base giornaliera”. E’ stato concordato inoltre che i colloqui avverranno anche a livello politico, tra i capi negoziatori Michel Barnier e David Frost (anche loro hanno partecipato al pranzo di lavoro), come pure tra Juncker e Johnson. Prima dell’incontro, Boris Johnson in un articolo scritti sul Daily Telegraph aveva mostrato tutto il suo ottimismo: “Sono appassionatamente convinto che possiamo farcela” riguardo alla possibilità di concludere con la Ue un nuovo accordo per la Brexit, prima della fatidica data del 31 ottobre. “Se riusciremo a compiere abbastanza progressi nei prossimi giorni, intendo andare al cruciale vertice (dei leader Ue) del 17 ottobre a finalizzare un accordo che protegga le aziende e i cittadini di entrambe le parti”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza