Altro suicidio in polizia: si ammazza davanti al reparto Volanti di Roma

martedì 3 settembre 15:59 - di Andrea Giorni

Si è tolto la vita nel luogo a cui ha dedicato la propria esistenza al servizio dello Stato: ennesimo suicidio in polizia. Nel primo pomeriggio l’ispettore superiore Ermanno Passaretti, si è ucciso sparandosi al petto davanti al reparto volanti di Via Guido Reni, a Roma. Il corpo è stato ritrovato dai colleghi nella sua automobile.
Il tragico gesto – le cui motivazioni sono ancora ignote – segue quello di tanti, troppi appartenenti ai vari corpi di polizia dello Stato, al punto che presso il Viminale è stato istituito uno specifico osservatorio.
Ma purtroppo tali episodi continuano a ripetersi e vano finora è stato l’allarme lanciato dai sindacati del settore – in particolare dal Mosap – sulle condizioni in cui operano gli agenti.
E’ giunta l’ora di mettere a conoscenza la pubblica opinione del perché di questa vera e propria ecatombe, che sta mietendo troppe vittime tra chi è chiamato a vegliare sulla nostra sicurezza. E’ evidente che il ripetersi dei suicidi è legato al servizio prestato ed è necessario procedere con urgenza a verificare che cosa sta accadendo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Stefano 3 settembre 2019

    Cari signori… ma vi siete almeno sincerati che i familiari lo sappiano già? No perchè forse, tolto che il fatto è gravissimo, magari il nome potevate ometterlo! Tanto non cambiava la sostanza…
    Siete veramente inqualificabili!!!

    • Francesco Storace 3 settembre 2019

      Purtroppo parli a vanvera

    In evidenza

    contatore di accessi