Violenta lite a colpi di forbici in stazione ad Assisi: denunciati un marocchino e un tunisino

giovedì 29 agosto 14:28 - di Redazione
roma

Una lite violenta tra due stranieri – un tunisino e un marocchino, si ricostruirà in un secondo momento – protagonista di un’aggressione feroce perpetrata a colpi di forbici: e tutto nei bagni della stazione di Assisi, dove le forze dell’ordine sono arrivate a seguito della segnalazione di un addetto alle pulizie che ha trovato sangue ovunque e un uomo ferito che, alla vista del dipendente, è scappato in tutta fretta, facendo perdere per un po’ le sue tracce.

Assisi, violenta lite a colpi di forbici tra un marocchino e un tunisino

La polizia di Stato ha denunciato due stranieri e sequestrato un grosso paio di forbici usata nell’aggressione di un uomo, trovato ferito nella stazione di Santa Maria degli Angeli ad Assisi. La vittima è stata trovata dall’addetto alle pulizie dei servizi igienici della stazione che entrando nei bagni pubblici ha trovato un uomo con una mano insanguinata e ha chiamato il 113. Giunta sul posto la Polizia di Stato di Assisi non ha trovato il ferito ma ha notato un altro soggetto muoversi con fare sospetto. Alla vista degli agenti, l’uomo ha fatto cadere dalle sue mani un paio di forbici e, saltando dalla banchina, è scappato fino a scavalcare una recinzione di uno stabile vicino abbandonato, facendo perdere le sue tracce. Dalle prime attività d’indagine si è riuscito a dare un volto al possessore delle forbici, un 31enne di nazionalità tunisina, senza fissa dimora e irregolare sul territorio nazionale.

Uno dei 2 immigrati ha violato il foglio di via emesso dal questore

Le forbici sottoposte a sequestro, erano in acciaio, con lame appuntite e lunghe dieci centimetri con rilievi raffiguranti draghi e pavoni. Il tunisino è stato denunciato in stato di libertà per il reato di possesso ingiustificato di arnesi atti ad offendere. Anche l’uomo ferito alla mano è stato identificato in un cittadino marocchino, 38enne, già destinatario di un Foglio di Via dal Comune di Assisi emesso dal Questore di Perugia per la durata di tre anni, evidentemente violato. Anche per lui quindi è scattata la denuncia per inosservanza al provvedimento del questore.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza