Tremaglia a Librandi: «Vai a candidarti in Francia, sei solo un collezionista di casacche»

giovedì 1 agosto 15:47 - di Redazione

Librandi ne aveva sparata un’altra delle sue. Questa volta a proposito della lettera di Giorgia Meloni a Conte sul caso Gozi, scomodando addirittura Mirko Tremaglia e la sua legge sul voto agli italiani all’estero. Librandi, non si sa in base a quale logica, aveva voluto mettere sullo stesso piano la concessione del diritto di voti a chi è italiano e vive all’estero alla scelta di Gozi che, dopo aver fatto il sottosegretario in Italia, va a fare lo stesso mestiere in Francia. «L’on. Gianfranco Librandi, piuttosto propenso alla dinamica delle giravolte, pensi ai suoi di rivoltamenti», ha dichiarato Andrea Tremaglia, capogruppo di Fratelli d’Italia al Comune di Bergamo e nipote di Mirko Tremaglia. «Mio nonno, bontà sua, non ha praticato giravolte in vita e penso non lo faccia neanche nella tomba. Non stupisce che un personaggio come Gianfranco Librandi abbia un’idea delle istituzioni differente da quella di mio nonno e della destra italiana, ma per chi interpreta la Nazione come un modo di essere culturale e spirituale, e non solo il colore di un passaporto, appare molto chiaro il profilo di inopportunità della vicenda Gozi. Non dovrebbe essere neppure necessario ricordare a Gianfranco Librandi la vera e propria ostilità che i nostri amici francesi ci hanno di recente mostrato in tante occasioni: dalla guerra in Libia alla vicenda dei cantieri navali Saint-Nazaire, dai commenti inopportuni verso i legittimi esiti elettorali italiani alla non gestione della questione immigrazione con frontiere chiuse e gravi invasioni di campo. La battaglia di mio nonno – continua Andrea Tremaglia, «fu una vittoria della civiltà, volta a tutelare e riconoscere gli interessi degli italiani nel mondo. Qui si parla invece di andare contro gli interessi dell’Italia. Noi conosciamo bene le regole della democrazia italiana ed europea. A Librandi suggeriamo di candidarsi in qualche partito francese al prossimo giro, per arricchire la sua collezione di casacche e regalare un po’ del suo patriottismo ai nostri vicini, che gliene saranno certamente riconoscenti».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • roberto 1 agosto 2019

    L’unica cosa che puo’ fare e’ andarsene oltre confine e restarci in eterno e anche oltre.

  • In evidenza

    contatore di accessi