Scalfarotto a Salvini: «Per colpa tua ho ricevuto una valanga di insulti»

lunedì 5 agosto 17:55 - di Giovanna Taormina

«Da quando il ministro dell’Interno ha rilanciato il mio post su Facebook, in pochissime ore più di 340mila persone lo hanno letto e sono stato raggiunto da messaggi il cui tenore si può facilmente immaginare e di cui vedete qui sotto qualche esempio». Ivan Scalfarotto, deputato del Pd, pubblica su Facebook un post in cui tenta di giustificare la sua “ispezione” a Regina Coeli per verificare lo stato in cui si trovavano gli arrestati per l’omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega. E se la prende non solo con Salvini, ma gioca anche a fare la vittima allegando la foto in cui mette in bella mostra tutti gli insulti che ha ricevuto. Si arrampica sugli specchi e poi chiarisce: «Molti mi hanno chiesto se sono andato a trovare la vedova di Mario Cerciello Rega. La risposta è che no, non l’ho fatto, per discrezione e rispetto».

Scalfarotto: la lezione del web

Questo in sintesi quello che ha scritto Scalfarotto. Ma le polemiche non finiscono qui, perché il post ha ricevuto un’altra valanga di commenti. Scrive Umberto: «Se avessi un pochino di dignità politica rassegneresti immediatamente le dimissioni. Ma questo per voi del Pd è un concetto astratto». E Cecilia aggiunge: «Mi spiace, ma non credo ad una sola parola di quello che ha scritto. Si ricordi che gli Italiani non portano l’anello al naso. Voi PiDiottini non cambierete mai e questo vi costa la perdita di milioni di consensi». E Gessica osserva: «Per discrezione e rispetto si va prima dalle vittime mai dai carnefici. Gli specchi non bastano per arrampicarsi». E poi c’è chi come Renato sottolinea: «Non sono le intimidazioni a non funzionare ma il tuo senso della vergogna. Tralasciando i toni, fanne tesoro di ciò che ti scrivono». Caustico Marco: «Capisco perfettamente il suo gesto sig Scalfarotto, d’altra parte Regina Coeli è e dovrebbe essere la residenza naturale di centinaia di iscritti al suo partito. Ovvio che voglia accertarsi che stiano bene». Mentre Cristina scrive: «Anche al Ministro vengono fatti insulti e minacce di morte dal suo elettorato caro… Cerchi di avere rispetto per la morte di un suo concittadino e non di preoccuparsi del delinquente che lo ha ucciso».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Gigi 7 agosto 2019

    Vai a dissodare la terra

  • Matteo 6 agosto 2019

    Mavi pare normale che un politico vada a trovare una persona accusata di omicidio!

  • Giuseppe Tolu 6 agosto 2019

    Ancora parli !?

  • Massimiliano 5 agosto 2019

    Scalfarotto lei non conosce la vergogna?
    Le auguro di non aver mai bisogno dei carabinieri nella sua vita…

  • In evidenza