Salvini: questo governo nasce sull’odio, con il premier agli ordini di Bruxelles

mercoledì 28 agosto 18:50 - di Redazione

Matteo Salvini con la delegazione della Lega è salito al Colle per riferire al presidente della Repubblica. Il leader leghista all’uscita ha detto: “Siamo stati diretti e onesti con il presidente della Repubblica cui abbiamo espresso lo sconcerto di milioni di italiani di fronte allo spettacolo indecoroso della guerra delle poltrone. 60 milioni di italiani sono ostaggio di cento parlamentari che non vogliono mollare la poltrona”.

“Il presidente della Repubblica – ha continuato –  chiedeva un candidato presidente del Consiglio e una maggioranza ampia. Il candidato presidente del Consiglio lo hanno trovato a Biarritz su indicazione di Parigi, Berlino e Bruxelles. Evidentemente a qualcuno dava fastidio un governo che stava restituendo sovranità e orgoglio agli italiani e infatti tutta la storia di questi giorni ci conferma che non ci avrebbero mai permesso una manovra economica fondata sulla flat tax, da questo avevano origine i no di Conte”.

“Tutte le ultime elezioni – ha detto ancora Salvini – hanno visto perdere sistematicamente perdere il Pd. Milioni di italiani si stanno chiedendo “a cosa serve votare?”. Dignità vorrebbe che ci fossero le elezioni, che dovrebbe essere una bella parola in democrazia. L’unico collante che ho intuito è l’odio nei confronti della Lega, del primo partito italiano che ha avuto il coraggio di rimettere il mandato nelle mani degli italiani”.

“Il Pd è sempre lo stesso – ha concluso Salvini – quello del Jobs Act e della buona scuola, dei porti aperti: due mondi diversi rispetto al M5S. Mi soffermo sulla spudoratezza del Pd che era e rimane il partito di Bibbiano, di Banca Etruria e della legge Fornero. Noi non abbiamo cambiato idea. Nei prossimi mesi si voterà in nove regioni italiane, non possono scappare sempre dal voto. Prima o poi il giudizio popolare lo devi affrontare. E’ il primo governo che prima ancora di nascere ci fa assistere a liti continue. Non sarebbe più saggio e risolutivo far votare gli italiani?”. Salvini ha infine accennato a “un disegno che parte da lontano per svendere il futuro di questo paese a poteri che non sono l’Italia”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Carlo Cervini 29 agosto 2019

    La prova è lo spreed, notoriamente manovrato dalle grandi banche tedesche e francesi: Governo giallo verde da 200 a 340; adesso da 230 a 171…………..L’italia è e deve ritornare ad essere il campo profughi dell’Europa e la Colonia di Francia e Germania, da comperare pezzo per pezzo a prezzi stracciati, da riempire di rifiuti economici.

  • eddie.adofol 29 agosto 2019

    Caro CAPITANO la prossima campagna elettorale deve essere approntata sull’uscita dall’Europa, in quanto da come si è capito dobbiamo stare sotto le paxxe dei tedeschi e i francesi, che x farci rimanere in Europa è riapparso Prodi mortadella e tutti quegli altri stinchi di infami, obbligandoti a dimetterti, dal governo, spero tanto che FDI ti accompagnino in questa lotta contro tutti, ora si è capito perché dicevi che volevi fare una riforma da 50miliardi€, perché sapevi che alla merkel servono anche a lei 50miliardi€ – a te però tutti quei soldi non li danno ora vediamo se agli impostori 5stalle e ai mantenuti del pd glie li danno. La piazza non serve, tra non molto, si rovineranno tra loro. Allora quello sarà il momento nostro e, fargli capire come si governa l’ITALIA. PRIMA GLI ITALIANI VERACI – poi tutti gli infami

  • In evidenza

    contatore di accessi