“Salvini m…”: Lorenzo Fragola non si pente e rincara la dose. Il web lo trafigge

martedì 13 agosto 13:01 - di Mia Fenice

Botta e risposta tra Lorenzo Fragola e Matteo Salvini su Twitter. Il vincitore dell’ottava edizione di X Factor, anno 2014, ha innescato le polemiche con il vicepremier postando un brevissimo messaggio sul suo account. Due parole che non lasciano però dubbi sul messaggio che il cantante ha voluto affidare al web: «Salvini merda». Il leader leghista ha ribattuto poco dopo usando la stessa tattica adoperata in passato contro altri artisti che avevano manifestato la loro lontananza dalle politiche espresse dal governo gialloverde e, in particolare, dal ministero dell’Interno: «Non piaccio al signor Fragola? Amen. Mi consolerò ascoltando altra musica. P.s. Lorenzo, canta che ti passa».

A quel punto è stato lo stesso cantautore siciliano, nato a Catania, uno dei centri visitati da Salvini negli ultimi giorni nel suo tour estivo  a continuare la diatriba, sempre attraverso il suo profilo social: «Tu come dj invece sei forte». Il riferimento è alle immagini che ritraevano il capo leghista al Papeete di Milano Marittima dietro a una console. Con l’aggiunta di un hashtag: #49milionidisingoli, riferimento alla famosa questione dei 49 milioni di euro ma in chiave musicale. Il primo tweet ha generato, in appena un paio d’ore, più di 2 mila retweet e quasi mille commenti. Una valanga di commenti, alternati a qualche messaggio di vicinanza, che ha colpito con forza il cantante. Da chi si è chiesto “ma questo chi è” a chi ha accusato Fragola di cercare visibilità e attenzione da parte della rete. Poi Fragola ha continuato a parlare su Facebook.

Fragola non si pente

«La protesta è protesta. La contestazione è sempre stata portata avanti con frasi forti e oltre le righe (chi è mai stato ad un corteo o una qualsivoglia manifestazione sa di cosa parlo)». Il cantante ha precisato «mi sono mai riconosciuto nella destra o nella sinistra», ma ha spiegato di aver voluto alzare la voce per «protestare contro un personaggio politico che ritengo personalmente incoerente , vergognoso e pericoloso». Poi ci ha tenuto a precisare che queste sue parole non volevano essere interpretate come maleducazione: «I miei genitori mi hanno però insegnato anche che quando ricopri certi ruoli hai delle responsabilità». Proprio per questo motivo Lorenzo ha sottolineato: «Chi fa il ministro dovrebbe avere cura del parole che sceglie di usare per non seminare odio, e ricoprire con onore e responsabilità il suo ruolo. Chi fa il cantautore dovrebbe avere cura di dire quello che pensa con libertà assoluta per permettere a chi lo segue di pensare a modo suo». E subito dopo Fragola è stato sommerso da commenti, moltissimi dei quali al vetriolo. Scrive un utente: «Bravo hai avuto il tuo momento di notorietà, al prossimo concerto magari arrivi a 1000 persone». E un altro aggiunge: «Sembravi un bravo ragazzo, manifesta con educazione, dato che voi del mondo dello spettacolo avete una responsabilità verso i giovani, chiedi scusa fai più bella figura». E un altro gli fa notare: «Parli di scegliere la parole con “cura” e poi dici merda a un Ministro della Repubblica?! No, ma stai bene, sì? Non perdi solo fan leghisti, perdi pure persone veramente educate. Volevi il tuo momento di gloria? L’hai avuto insultando una carica istituzionale».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • NESTORE 13 agosto 2019

    Poverino. Ma chiè?

  • In evidenza