Sabaudia, la “mossa del cavallo” e le liti aprono nuovi scenari. Non solo a Palazzo Chigi

giovedì 8 agosto 13:28 - di Sante Perticaro

Riceviamo da Sante Perticaro e volentieri pubblichiamo:

Perché se è vero che Matteo Salvini non vuole farsi irregimentare dal M5S, d’altro canto il dover preventivamente concordare – a destra – ogni movimento strategico prima di compierlo gli provoca l’orticaria. L’ardita “mossa del cavallo” che il solitario leader ha in mente e che non vuole esplicitare neppure ai propri più stretti accoliti ricomprende entrambi i fronti: da un lato quello di un popolo pentastellato del tutto basìto dall’insolente ardire del piccolo alleato scomodo, un guascone imprevedibile; dall’altro di quella specie di Museo delle Cere che è ormai lo zoo di Silvio. Dobbiamo scolpirci bene nella nostra mente questa frase, che verrà buona anche per i prossimi giorni: perché è assai probabile che una serie di accadimenti portino il cavallerizzo solitario ad azzardare proprio questa mossa imprevedibile nella sincopata linearità di una scacchiera ormai inclinata verso il vuoto. Dall’altra parte della tavoletta pencolante è ancora avvinghiato un Pd che si sta ancora leccando le ferite provocate da quell’altro “panzer” (Renzi) che sparava proiettili traccianti assolutamente prevedibili e lineari: è bastato un bel blocco di “tutti contro Matteo” -in quel referendum verso cui lo  portava il suo delirio onnipotente- per insabbiare le sue sturmtruppen.

«Facciamo cose senza avere padroni», ha incalzato da Sabaudia – che sia il suo vulnus quello di frequentare certi luoghi? – il ministro, in un discorso che è apparso del tutto “moscìo” ai più. Invece è molto probabile che il pezzo equino che il redivivo Raffaello Mascetti si accinge a muovere apra la strada a un governo “Conte-bis” (ah quanto ci mancano le vecchie etichette da Prima Repubblica), che sarà quello – decapitati alcuni ministri francamente imbarazzanti- che approverà il taglio dei  parlamentari e  – di seguito e di conseguenza-  rimodulerà la mappa dei Collegi elettorali in vista dell’Armageddon finale.

Già : ma quando l’insolente leader vorrà tenerle? Azzardo: non è poi così del tutto peregrina l’ipotesi che – dopo la regia di un “Napolitano bis” –  vedremo all’opera un “Mattarella bis”, capace di girare la scena finale: quella della grande corsa e degli schiaffoni per tutti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi