Ravetto-Feltri, volano parole grosse: «Dove vado sono c… miei». «Ci rallegriamo, ma…»

lunedì 5 agosto 13:42 - di Marta Lima

«Poi un giorno di questi mi rompo i c… e inizio a raccontare i commenti al veleno su Berlusconi che mi sono stati detti negli anni da tutti sti/ste signori/e che in queste ore tentano di additarmi come traditrice/golpista sui giornali per passare come novelli lealisti», aveva scritto ieri Laura Ravetto (Fi), in un tweet al veleno, replicando alle dichiarazioni provenienti da esponenti di Forza Italia dopo lo strappo di Giovanni Toti con il partito ma soprattutto a un durissimo articolo di Vittorio Feltri, pubblicato su Libero di domenica 4 agosto, in cui il direttore difendeva Silvio Berlusconi dai suoi presunti “traditori”, Giovanni Toti in testa.

Ma in quel fondo veniva citata anche la bionda esponente di Forza Italia: «Stendo un velo pietoso su Laura Ravetto nonché su vari deputati vicini alla Gelmini, un esodo disgustoso». Parole alle quali aveva fatto seguito il durissimo cinguettio della Ravetto: “Un giorno di questi mi rompo i c…”, e via dicendo.

Oggi si è consumata un’altra tappa del duello a distanza tra Ravetto e Feltri, con il direttore di libero che ha twittato: «Laura Ravetto di Forza Italia (per ora) mi scrive: Quello che intendo fare e dove voglio andare sono c… miei. Ci rallegriamo con lei per tutti i c… cui deve badare». Parole grosse, doppi sensi, bordate mediatiche. Arriverà un’altra rispostaccia della Ravetto?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi