Rai, il Pd rialza la cresta e parte all’assalto del Tg2. Gasparri: sognano epurazioni

mercoledì 28 agosto 15:30 - di Redazione

Michele Anzaldi, deputato del Pd, e segretario della commissione Vigilanza, da mesi monitora il Tg2 diretto da Gennaro Sangiuliano per accusarne le presunte sbavature “sovraniste”, a cominciare dal crocifisso della giornalista Marina Nalesso che a sinistra proprio non riescono a digerire. Adesso, evidentemente ringalluzzito dal fatto che il Pd pur avendo perso le elezioni sta per ritornare a Palazzo Chigi, non sapendo come colpire la testata costruisce così il suo affondo: “Lo Speciale Tg la7 pomeridiano di Mentana sulla crisi di governo fa più del doppio di ascolti dello Speciale Tg2: 7,3% di share e 813mila telespettatori contro 3,8% e 375mila telespettatori di Rai2. C’è un evidente problema per l’informazione Rai, va affrontato al più presto”. Il che significa, tradotto dalle cifre riportate, che è necessario riportare all’ordine sotto le insegne progressiste l’intera informazione della tv pubblica. Complimenti per il tempismo.

La replica arriva da Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia: “Anzaldi non è ancora stato riciclato nelle anticamere di sottogoverno ma emana in modo maniacale editti e sogna epurazioni e veline, memore di una sua breve stagione da commesso di Palazzo. Legge i dati tv secondo le sue convenienze. Ma in realtà siamo agli ‘anzaldi di fine stagione’ con merce di bassa qualità”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi