Open Arms, Carola Rackete svela: fu il governo tedesco a dirmi di entrare a Lampedusa

domenica 11 agosto 14:25 - di Redazione

So che quanto sto per dire potrebbe essere strumentalizzato da qualche partito…”: esordisce così l’estremista tedesca Carola Rackete che, dopo aver speronato a Lampedusa l’imbarcazione della guardia di  Finanza per forzare il blocco dei porti imposto dal governo italiano, ora svela, in una intervista alla tv tedesca Zdf, che fu il ministero dell’Interno tedesco a chiederle di far registrare e portare tutti i clandestini a Lampedusa“.

Il primo a sospettare che c’era in disegno ben preciso dietro il gravissimo gesto con il quale la Rackete ha rischiato di uccidere alcuni militari della Finanza dopo che tutti i ricorsi che l’Ong aveva tentato erano stati respinti dalla magistratura italiana e internazionale, era stato il sito di contro informazione Journalistenwatch.com, un portale abituato a pizzicare le bufale dei media mainstream a trazione democratica: aveva svelato gli intrecci vergognosi e imbarazzanti tra l’ong Sea Watch e il governo tedesco. Ma era stato subito zittito con l’accusa, manco a dirlo, di neo-fascismo.

Poi era stata la volta dell’ex-capo dei servizi segreti tedeschi, Hans-Georg Maaßen, a svelare le magagne confermando quanto scritto dai cronisti di Journalistemwatch e, cioè, che sulla Sea Watch erano stati imbarcati due reporter della tv di Stato tedesca proprio per immortalare l’azione contro l’Italia della Rackete dipinta come un’eroina contro i cattivi italiani. Ma, immancabilmente, anche Maaßen  aveva dovuto subire la crocifissione mediatica e politica, accusato non solo di neo fascismo sventolando le sue simpatie per i vecchi dissapori con Angela Merkel e, soprattutto, le sue simpatie per AfD, Alternative für Deutschland ma, anche, la sua ruggine con Angela Merkel.

Ora, invece, è la stessa Carola Rackete ad ammettere che, effettivamente, dietro suo gesto gravissimo ed eversivo contro il popolo e le istituzioni italiane, c’era il governo tedesco. Con buona pace di quanti si sono scagliati con violenza inusitata contro i giornalisti di Journalistemwatch e contro l’ex-capo dei servizi segreti tedeschi, Hans-Georg Maaßen.

La municipalità di Rothenburg, in Germania, aveva proposto di mandare un pullman in Italia per recuperare i clandestini e farli registrare in Germania. Ma – rivela ora la Rackete – a negare la via terrestre è stato il ministro dell’Interno del nostro Paese”. Cioè la Germania.

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • MAIO@gmail.com 11 agosto 2019

    VOI siete i veri fascisti.

  • In evidenza

    contatore di accessi