Miss Italia: arriva Naomi Ruggeri, la “Sofia Loren del Regno di Sicilia”

lunedì 5 agosto 10:51 - di Salvatore Bucolo

Naomi Ruggeri, 19 anni, di Acireale, diplomatasi all’Istituto Tecnico Turistico “Filippo Brunelleschi” di Acireale (Catania), con tanta voglia di iniziare a studiare Lingue e Letteratura Straniera presso l’Università degli Studi di Catania. È altissima, mora, la Sofia Loren del Regno di Sicilia con un sogno nel cassetto denominato: “Miss Italia”. È lei, è Naomi Ruggeri, una giovane appassionata di fotografia e danza, con la pretesa di arrivare alle finali nazionali di Jesolo: «Ho iniziato il percorso lo scorso anno – afferma – quest’anno riprovo Miss Italia perché ambisco a ottenere la fascia nazionale che mi permette di arrivare alle finali nazionali di Jesolo».

Miss Italia, la finale è il 6 settembre

La finale è prevista per il 6 settembre 2019 in diretta su Rai 1, con la sublime presenza di donna Patrizia Mirigliani- figlia del Grande Enzo, fondatore dello storico concorso di bellezza, che vedrà 80 favolose ragazze gareggiare e spegnere le 80 candeline che simboleggeranno gli 80 anni dalla nascita del più ambito concorso di bellezza al femminile made in Italy-, che nel 2012, grazie al suo ruolo al concorso di Miss Italia, ha ricevuto il titolo di commendatore al merito della Repubblica. La stessa, quando ha preso in mano l’organizzazione del concorso ha avuto l’intuizione di intervenire su un punto preciso del regolamento, aprendo la partecipazione alla taglia 44 (portata con grazia dalla regina sicula Naomi Ruggeri). Affezionata al padre, in una intervista recente di lui ha detto: «Mi diceva sempre che le donne si devono realizzare, perché loro (le donne) devono essere indipendenti e perché le donne ne hanno le capacità». Infine, a Patrizia Mirigliani va riconosciuto soprattutto il coraggio di saper affrontare la vita e il grande mistero di dolore che, quest’ultima, spesso riserva attraverso la malattia da lei con dignità e serenità affrontata e, a differenza di Veronica Sogni, sconfitta.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi