Meloni sferra l’attacco: «I senatori a vita vanno aboliti, sono una vergogna»

giovedì 8 agosto 17:51 - di Gianluca Corrente
Meloni

«Assurdo che in Italia ci sia ancora la figura ottocentesca dei “senatori a vita”: persone nominate a piacere dal Presidente della Repubblica, per di più anche lui non scelto dal popolo, che rimangono parlamentari per il resto dei loro giorni. Fratelli d’Italia non si piega a questa vergogna, inspiegabilmente mantenuta anche nella recente riforma di taglio dei parlamentari, e continua la sua battaglia per abolire i senatori a vita dalla nostra Costituzione. Siete con noi?». È il post che Giorgia Meloni ha scritto sulla sua pagina Facebook. E nel giro di pochissimo ci sono stati migliaia di like e commenti. «Via i senatori a vita e basta soldi agli eredi», scrive Piersaulle P mentre Wanda R, nel dichiararsi d’accordo, sceglie la strada dell’ironia: i senatori a vita? «Sono anziani e non hanno bisogno di pensioni astronomiche per vivere». Adriano G non ha dubbi: «Basta regali . Non deve esistere più questa categoria ad honorem». E per Gianpiero P «vivono sulle spalle dei contribuenti ma in aula non ci sono quasi mai». Giulio M rincara la dose contro i senatori a vita: «La loro funzione? Piccola stampella per i governi del Presidente della Repubblica». In molti commenti si punta il dito contro Napolitano e Monti, tra i più criticati. E Fabio F aggiunge: «È un residuato della Costituzione che nel corso degli anni non ha più avuto motivazioni serie. Sarebbe proprio l’ora dì abolirli».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Meletto 8 novembre 2019

    Giusto, giustissimo👍.. tutta da eliminare questa “schifosa” cricca🤮 (imposti dal’ alto) di parassiti (nullafacenti) di sinistra🤬 non eletti dal popolo ma tutti a carico del popolo😡…

  • Mario biagini 8 novembre 2019

    Anche lo stipendio di un parlamentare é una vergogna

  • Vittorio di Maro 7 novembre 2019

    Sono dei salvagoverni di scorta della sinistra per votazioni pericolose. Magari onorificenza senza stipendio e pensione

  • GianB 6 novembre 2019

    Per i senatori a vita, non vi sono solo lauti riconoscimenti economici per loro e tutto il parentado vita natural durante, ma anche una bella serie di riempitivi e agevolazioni varie quali penso ad esempio: ufficio, telefono, assicurazioni, auto, scorte, sconti vari, treni gratis, ecc.ecc.
    Nessuno riesce mai ad avere il costo annuo di tutta la bella compagnia
    e moltiplicarlo per “n”, onde capire cosa si sobbarca il popolo bue in termini di vil danaro che esce dalle sue tasche? Poi fare una analisi mettendo in rapporto i costi e i benefici che derivano dalle attività dei nostri affezionati senatori a vita?

  • GianB 6 novembre 2019

    Per il corso di arabo a Marzabotto capisco che non dovrebbe essere riservato agli arabi. Quelli la loro lingua la conoscono.
    Sicuramente sarà per gli italiani.
    Un sistema di integrazione al rovescio. Prima o poi infatti dovremo pur capire cosa si dicono fra di loro. O sbaglio?

  • Claudia 30 ottobre 2019

    Io addirittura abolirei il Senato .

  • giuseppe Carbotti 29 ottobre 2019

    SONO UNA VERGOGNA , SONO D’ACCORDO.

  • nicola 25 ottobre 2019

    ancora con la storia dei senatori a vita stiamo? Certo che sono a favore per toglierli, ma qui si parla come al solito di ridurre di due briciole la spesa pubblica. A quando gli stessi proclami con eguale enfasi far pagare le tasse alle multinazionali in Italia? Quando la difesa dal TTIP e dal CETA? Non a chiacchere, ma sul serio? Quando contro le lobby di qualsiasi genere? O stiamo a correre dietro ai senatori a vita per non parlare del resto?

  • Lino 15 ottobre 2019

    Solo leggi ottocentesche italiane solo per arricchire ancor di più i già ricchi. Ma non si vergognano questa gente avida. Spero che venga annullata questa legge ed eliminati questi senatori approfittatori della bontà degli italiani. Vergogna italiana. Auguro a questi avidi personaggi di spendere quei soldi in medicine.

  • ANTONIO 10 ottobre 2019

    Sono d’accordissimo! Non servono e, in più sono di parte, cosa che non dovrebbe essere, dato che il mantenimento e dato da tutto il popolo!

  • Francesco Ferrante 10 ottobre 2019

    Trovo giusto. Gente che vive di troppi privilegi, spece ora che il popolo italiano vive un periodo molto critico. Non basta chiosare, no agli sprechi, bensi con senso di responsabilita bisogna veramente mettere mani alla coscenza e subito dopo al portafoglio, visto che il portafoglio non è neanche loro, ma di noi tutti gli italiani. Sono daccordo.

  • Ivano Senici 8 ottobre 2019

    Sono d’accordo sull’ abolizione dei senatori a vita. Avrebbero potuto farlo anche loro {centrodestra) quando erano al governo. Nel rispetto della costituzione via anche ifascisti dal parlamento.

  • Corinna Cherubini 5 ottobre 2019

    Da mo che li dobbiamo togliere non servono a nulla sono dei parassiti inutili

  • Francesco 26 settembre 2019

    Giusto che vanno aboliti,sono solo dei parassiti nulla facente mantenuti con i soldi

  • Edgardo 11 settembre 2019

    Giusto eleminare questi papponi,sono uno scandalo, vai Giorgia fai partire la lotta che ti seguiamo!

  • Pietro 23 agosto 2019 23 agosto 2019

    Sono solo una vergogna italiano ana. Ma prendiamo uno come Napolitano,golpista che è Senatore a vita con scorta ed ecc. Orrore.

  • Sergio 14 agosto 2019

    La cosa gravissima è che hanno diritto di voto e con il loro voto spesso si sono tenuti in piedi Governi, vedi quello di Prodi

  • Angolo 10 agosto 2019

    Queste sono dai latri del gli amici è si devono abolire tutti i privilegi di tutti che c’è troppo vergogna con questi privilegi per l’oro è per i parte

  • Timoteo Pernici 9 agosto 2019

    SONO D’ ACCORDO NELL’ ELIMINARE QUESTO ASSURDO PRIVILEGIO

  • amerigo 9 agosto 2019

    Tanto più che li nominano sempre i presidenti “super partes” che provengono dalla sinistra! (Scalfaro, Ciampi, Napolitano etc.)

  • Paolo 9 agosto 2019

    Non c’è più ragione di tenere in piedi una casta di senatori a vita!. Eventuali loro meriti storici, culturali, di amor patrio, se realmente provati, vanno riconosciuti in altro modo, ad esempio con una medaglia al valore. Basta pesare negativamente sul bilancio dello stato, quindi dei cittadini!. Queste persone si ritirino, così lo Stato risparmia financo sulla scorta loro concessa, Vergogna!:

  • Massimo Steffanoni 9 agosto 2019

    Sono d’accordo con te Giorgia. Via i senatori a vita.

  • In evidenza