Meloni: «Il patto Pd-M5S è un inganno contro la democrazia. Scenderemo in piazza»

mercoledì 28 agosto 11:57 - di Franco Bianchini

«Confidiamo che di fronte a un’intesa dettata solo dalla paura del voto, nata solo per mantenere delle poltrone, il presidente Mattarella voglia valutare la possibilità di non farsi notaio di questo patto della poltrona e di esercitare la sua potestà di sciogliere le Camere nell’interesse superiore della Nazione». Lo ha affermato Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia, al termine delle consultazioni al Quirinale.

«Un governo fatto da forze politiche che si sono candidate dicendo agli italiani che ciascuna avrebbe combattuto l’altra, è un inganno verso gli elettori, è la cosa più distante che io conosco dall’idea di democrazia».

«Non è stato oggetto del nostro colloquio con Mattarella, ma scenderemo in piazza il giorno della fiducia, se questo governo dovesse nascere», conferma la Meloni. «Scendere in piazza non è eversivo, lo chiedo dal Quirinale, non sto dicendo niente di diverso da quello che è previsto dalla nostra Costituzione, manifesto il mio dissenso. Non ci sto, almeno concedeteci questo, gli italiani non possono più votare, almeno potranno dire la loro».

Consultazioni al Quirinale: ascolta il mio intervento in diretta!

Pubblicato da Giorgia Meloni su Mercoledì 28 agosto 2019

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • CICCIO 29 agosto 2019

    vai giorgia, difendi il popolo che non ne può più di tutti sti imbrogli portati da coloro che sono stati messi da parte dagli italiani, da coloro che stanno inghiottendo il rospo per amore delle poltrone e da chi sempre per amore delle poltrone ha baciato il rospo, convinto che uscisse un principe, ma invece è spuntato fuori di nuovo il “CONTE”.
    CONVOCA LA PIAZZA, ho sentito dire in tv da qualche giornalista-sinistroide e io dico anche deficiente che avevano avuto paura quando hai parlato di evocare la piazza. noi amiamo il nostro paese, rispettiamo la democrazia e chiediamo di essere anche noi rispettati. a mattarella vorrei dire non fare il napolitano o lo scalfaro di turno, ma abbi in cuore la volontà degli italiani.

  • Sandro Cecconi 28 agosto 2019

    Mia stimata Giorgia,

    esistono le regole e vanno rispettate. Dura lex sed lex. Quindi secondo me commetteresti un errore nel caso specifico.

  • In evidenza

    contatore di accessi