Guardare il calcio in tv “allena” il cuore: cosa succede ai tifosi dai 20 ai 62 anni

venerdì 16 agosto 11:54 - di Redazione
calcioscommesse

Il calcio in tv fa bene. L’aveva già dimostrato Nick Hornby con “Febbre a 90°”, una vittoria della squadra di calcio che si ama può cambiare la vita. Ora uno studio ha evidenziato che tifarla dal vivo o davanti la tv è «un allenamento cardiaco simile a quello di una camminata veloce di 90 minuti». La notizia che, forse, milioni di tifosi aspettavano da tempo. Lo studio dell’Università di Leeds ha monitorato 25 tifosi (tra i 20 e 62 anni) del Leeds United durante tre partite di campionato.

«La loro frequenza cardiaca è aumentata di circa il 64% e alcuni hanno raggiungo un picco di 130 battiti al minuto – osservano i ricercatori – inoltre la vittoria è riuscita ad abbassare la pressione del sangue e ha dato una spinta psicologica positiva che è durata per tutto il giorno», hanno constatato i ricercatori. Ma una sconfitta può avere l’effetto opposto e far vivere al tifoso «un crollo psicologico».

«Gli appassionati vivono la partita con grande partecipazione e la loro frequenza cardiaca durante il match è simile a quella di una camminata veloce, generalmente del 20% in più rispetto alla frequenza cardiaca a riposo», ha spiegato Andrea Utley al “Daily Mail”. Un gol del Leeds ha aumentato i battiti del cuore in media del 27% mentre una rete dei rivali del 22%.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi