Giorgetti: «Questo governo sarà la morte del M5S e del Pd in una botta sola»

mercoledì 28 agosto 10:52 - di Giorgio Sigona

Non ha dubbi, Giancarlo Giorgetti. «Questo governo sarà la morte del M5S e del Pd in una botta sola». Lo afferma nel corso della festa della Lega ad Alzano Lombardo. «Dovremo aspettare sei mesi, uno, due o quattro anni. Ma tra quattro anni al massimo il M5S e il Pd non avranno più la faccia di presentarsi di fronte al Paese».

Giorgetti: «Agiscono contro il popolo italiano»

«Senza Conte non sarebbero riusciti a fare questo governo. Paradossalmente è un governo tecnico come quello di Monti in cui M5S e Pd si annullano», ha osservato. «L’errore fondamentale di Salvini e della Lega è stato vincere le elezioni europee con il 34%», ha aggiunto. «Penso che faranno il loro bel governo non in nome del popolo italiano ma contro il popolo italiano. Auguri», ha detto a margine dell’evento.

«Conte avvocato di palazzo»

Giorgetti non è dispiaciuto che l’autonomia differenziata venga archiviata con la fine del governo gialloverde, perché «tanto non si faceva niente lo stesso». «Senza Conte non si sarebbe mai formato un governo contro Salvini. Credo che lui non fosse neanche molto d’accordo e penso che volesse fare un passaggio elettorale, ma sarà costretto a fare l’alfiere di una manovra di palazzo e a diventare da avvocato del popolo ad avvocato di palazzo», ha aggiunto Giorgetti. «Conte è una persona preparata e competente ma politicamente acerba, anche se sta imparando».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Fabio Santirocchi 14 settembre 2019

    Sono totalmente d’accordo con Giorgetti

  • danila michelini 30 agosto 2019

    La realtà della situazione l’ha spiegata bene Borghi in un video confidenziale . Il governo giallo verde è stato messo all’angolo dai pentastellati che si sono schierati contro ogni tipo di riforma che andasse contro il parere di Bruxelles . Continuare a governare con loro era impossibile a meno di non fare la loro stessa fine e figura. Se si voleva salvaguardare un minimo di dignità di fronte al paese e all’elettorato era indispensabile prendere una decisione. La lega aveva proposto un rimpasto di governo eliminando Trent Toninelli e Tria che erano i ministri meno collaborativi per usare un eufemismo, ma c’è stato un secco no di risposta. Il governo era bloccato. La tesi ,sosenuta in malafede,della volontà di evitare un chiarimento a proposito dei fondi russi alla lega è pura propaganda della peggiore specie

  • Mario 29 agosto 2019

    Giorgetti sei una persona intelligente lascia la lega

  • Carlo 29 agosto 2019

    Forse come dice il Giorgetti,questo governo sarà la fine del P.D e M5S,ma per il momento si rivolterà contro il popolo italiano,favorendo l’immigrazione e per conseguenza l’occupazione (anche se apparentemente pacifica),del sacro suolo della nostra amata patria

  • In evidenza

    contatore di accessi