Da tutta Italia alla camera ardente per Nadia Toffa. La toccante dedica di Jovanotti (video)

giovedì 15 agosto 13:01 - di Redazione

Anche durante la mattina di Ferragosto una folla crescente di persone sta rendendo omaggio alla camera ardente di Nadia Toffa al teatro Santa Chiara di Brescia. Molti bresciani, ma anche tanta gente che arriva da Milano o addirittura da diverse zone d’Italia e che arrivano solo per un saluto, per lasciare un messaggio.

La corona pagata dai detenuti del carcere di Brescia

Tra i messaggi più toccanti, quello dei lavoratori dell’Ilva di Taranto, che hanno voluto mandare un messaggio alla famiglia della presentatrice delle Iene. Domani mattina alle 10:30 saranno celebrati i funerali in Cattedrale a Brescia. I detenuti del carcere cittadino hanno fatto una colletta per acquistare una corona di fiori che è stata consegnata al Teatro Santa Chiara. “Nadia che è  sempre stata paladina della giustizia”, hanno scritto in una lettera i detenuti che non potranno partecipare alla funzione di domani.

Anche Jovanotti durante la tappa a Policoro per il Jova Beach Party, ha dedicato un pubblico omaggio alla presentatrice morta martedì scorso a 40 anni per un tumore.  Durante il concerto Lorenzo ha cantato la sua “Bella” per Nadia Toffa. Il cantautore romano le aveva già dedicato un post scrivendo: «Ci mancherai ma il tuo coraggio resta».

Ieri numerosi i volti noti che si sono presentati in queste ore alla camera ardente, per salutare la guerriera di soli 40 anni, che si è battuta con tutte le sue forze per vincere quella che lei stessa ha sempre definito una sfida. Un commosso Giulio Golia, suo amico e collega della famiglia de Le Iene, si è lasciato andare ad un commento straziante, una volta uscito dalla camera ardente: «Per me era una sorella, come aver perso una sorella. Io e lei abbiamo condiviso tante cose insieme. Entrambi abbiamo scelto di essere dalla parte dei più deboli».

Nadia Toffa e il suo libro Fiorire d’inverno

Le condizioni di Nadia Toffa si erano aggravate negli ultimi mesi, e da inizio luglio era ricoverata alla Domus Salutis di Brescia, dove si è spenta all’alba di martedì. Le Iene sui social hanno dedicato un post commosso. «Qualcuno potrebbe pensare che hai perso, ma chi ha vissuto come te, non perde mai – scrivono -. Hai combattuto a testa alta col sorriso, con dignità e sfoderando tutta la tua forza, fino all’ultimo, fino a oggi». “Fiorire d’inverno”, nel periodo più difficile dell’anno. Nadia Toffa aveva intitolato così il suo libro, uscito a ottobre scorso per Mondadori, in cui aveva raccontato la battaglia contro il cancro, provando a lanciare un messaggio di rinascita e di speranza.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza