Centinaio: «Di Maio e Renzi vogliono soltanto tenersi la cadrega»

domenica 11 agosto 15:23 - di Redazione

L’Italia si sta nuovamente dividendo in due: chi vuole dare la parola al popolo e chi ha il terrore del voto perché vuole mantenere i propri privilegi. I grillini continuano a struillare a a voler prendere tempo con il famoso taglio dei parlamentari prima del voto, ma a loro risponde Gian Marco Centinaio, leghista ministro dell’Agricoltura e ascoltato consigliere di Matteo Salvini: “Se la Camera dei deputati votasse ora il taglio dei parlamentari ci vorrebbero  tre mesi per dare la possibilità di richiedere il referendum confermativo e poi almeno due mesi per modificare i collegi elettorali. E se qualcuno chiedesse il referendum se ne riparlerebbe tra più di un anno. E nel frattempo qualcuno proporrebbe un bel governo finto tecnico? Dietro a questa idea ridicola c’è solo la volontà di Di Maio e Renzi di tenersi la cadrega. Al voto subito!”, dice Centinaio, interpretando lo stato d’animo di moltissimi italiani.

Ma Luigi Di Maio insiste con il suo mantra: “L’unica apertura da fare è al buon senso. Tagliamo 345 poltrone. Nessun inciucio, nessun giochetto. Solo mezzo miliardo in meno di sprechi da investire in scuole, strade e ospedali”. Lo scrive su facebook Luigi Di Maio. La priorità per il M5S è “approvare subito il taglio di 345 parlamentari. Per la prima volta nella storia italiana c’è stata una forza politica che ha avuto il coraggio e la determinazione di eliminare le proprie poltrone. È un atto concreto, che vi farà risparmiare parecchi soldi e vi restituirà un Parlamento più efficiente. Ma è anche il simbolo di un cambiamento culturale e di mentalità della classe politica”. “Nessuno l’avrebbe mai fatto se non ci fosse stato il Movimento 5 Stelle. Ci aspettiamo adesso – continua il leader M5S – che nessun partito trovi scuse su questo, dopo che questa riforma ha già passato 3 voti di 4 necessari. Ne manca solo uno. Ci vogliono solo due ore ed è fatta. Solo due ore. E il mio appello è rivolto a tutte le forze politiche in Parlamento”. Ma abbiamo visto che non è così.

“E Salvini si chiede:  “Non capisco tutto questo terrore per andare al voto. E’ l’unica soluzione trasparente e democratica”, ha detto infatti Matteo Salvini a Taormina, dove è arrivato in tenuta da mare per fare un bagno al mare. “Siamo in democrazia – dice – dovrebbe essere la cosa più bella del mondo andare a votare. Ci sono tanti Paesi dall’Austria alla Spagna, che in autunno andranno al voto, perché l’Italia non dovrebbe andare al voto? E’ il potere della poltrona”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • 12 agosto 2019

    La paura di andare a casa e di perdere tutti i privilegi acquisiti con questo governo anomalo è tanta.
    Le stanno tentando tutte pur di non andare al voto,voluto da milioni di italiani,poiché sanno già in partenza che sarà la oro distruzione politica.

  • In evidenza

    contatore di accessi