Cena con frutti di mare in Crozia: italiano muore a 58 anni. Gravi due bambini

martedì 13 agosto 18:21 - di Redazione

Tragedia dopo una cena a base di frutti di mare in Croazia. Un turista italiano, come riporta il Gazzettino.it è morto sulla costa adriatica croata e quattro membri della sua famiglia, di cui due bambini, sono in condizioni gravi a causa di quella che sembra un avvelenamento da cibo. La notizia è stata diffusa dalla stampa croata. Stamane alle 10 da uno yacht noleggiato è stata lanciata una richiesta urgente di aiuto al porto di Hvar, sull’omonima isola dalmata, affermando che a bordo era morto un uomo di 57 anni. Le altre quattro persone, suoi familiari, tra cui due minori, erano in condizioni di salute gravi, con forti diarree, nausea e vomito perdita di coscienza. I due bambini sono stati subito trasferiti in elicottero al centro ospedaliero di Spalato. Sono gravi. Poco dopo al reparto per le malattie infettive sono state ricoverate anche la due persone adulte.

Cena con frutti di mare, tragedia per una famiglia italiana

Secondo la stampa croata si tratterebbe di una famiglia italiana in vacanza in Croazia, ma per ora non sono stati resi noti altri dettagli sulla loro identità. Sembra che la famiglia ieri sera abbia consumato una cena a base di cozze e altri molluschi in un noto ristorante di Hvar, e durante la notte hanno iniziato a lamentare malori gastrointestinali. La magistratura ha aperto un’inchiesta e sono in corso indagini. Si legge ancora sul Gazzettino.it che alle 16 il dottor Dragan Ledina, infettologo in servizio nel Centro ospedaliero clinico di Spalato, ha tenuto una conferenza stampa per fare il punto sull’avvelenamento dei turisti italiani, sostenendo che un quadro clinico più chiaro di cosa sia accaduto si potrà avere solo nelle prossime ore e di non aver mai visto nella sua carriera una reazione così violenta causata da un’intossicazione alimentare.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza