Calenda: «Con Scalfarotto e Gozi abbiamo toccato vette di stupidità mai raggiunte»

giovedì 1 agosto 15:54 - di Adriana De Conto

Carlo Calenda senza freni inibitori. Ne ha per tutti e due gli artefici di giornate infauste per il Pd. Lo sfogo sui social è durissimo, di un’ironia corrosiva e devastante: «È il caldo. Spero che sia il caldo. Perché tra Gozi ieri e Scalfarotto oggi vi giuro che stiamo raggiungendo vette di stupidità mai prima conquistate nella politica contemporanea». Lo scrive su Twitter l’ex ministro Carlo Calenda postando il ben tristemente noto  tweet di Ivan Scalfarotto ripreso dal sito Adnkronos, dove il deputato del Pd annunciava di essersi recato in carcere per accertarsi delle condizioni degli imputati per il terribile omicidio del carabiniere Mario Cerciello Rega.

Calenda contro Gozi

Inoltre Calenda aveva anche fortemente criticato in un altro tweet Sandro Gozi per il suo ingresso nel governo francese. «Non si entra in un governo straniero. Non si tratta di un gruppo di lavoro – aveva scritto – ma di ricoprire per due mesi nel governo francese la carica che ha ricoperto nel nostro governo, conoscendo posizioni e interessi anche riservati non sempre coincidenti. Semplicemente non esiste». Duro e netto, Calenda.

Fiano “coccola” l’amico Scalfarotto

Non altrettanto si può dire per Emanuele Fiano, che prima di criticare l’iniziativa di Ivan Scalfarotto, lo blandisce e non prende una posizione netta. Lo critica ma anche no.  «Ci sono momenti in cui il pensiero di dissociarsi dal comportamento di un amico, un compagno di battaglie sui diritti, e sulla difesa della Democrazia nel nostro paese, può spingere a stare in silenzio. Io invece voglio spiegare perché non ho condiviso la scelta di Ivan Scalfarotto di andare a Regina Coeli». Un lungo preambolo, per poi giustificare Scalfarotto, reo di avere invertito solo delle priorità.  «C’è stato un terribile omicidio di un carabiniere – ha detto Fiano- che ha prodotto un’onda emozionale in tutto il paese. Gli insulti che hanno colpito Ivan – conclude – sono inaccettabili, e certamente c’è sempre anche, l’esigenza di verificare la condizione dei diritti dei detenuti, ma senza incorrere nel rischio di apparire, come è successo, come coloro che invertono l’ordine delle priorità, pur in assoluta buona fede». Il solito Pd: uno, nessuno centomila.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giovanni vuolo 2 agosto 2019

    Non è la prima volta. Basti ricordare la crociera fuori porta dei cinque sfaccendati sulla Sea Watch 3.

  • giovanni vuolo 1 agosto 2019

    No, non è da oggi che si toccano le vette di stupidità nel PD. forse Calenda dimentica la crociera fuori porta di cinque citrulli sulla Sea Watch. Anche quella è una stupidità da primato. Ma ormai sembra che nel PD la principale preoccupazione sia quella di verificare le condizioni di clandestini e criminali. Poco importa che finanzieri, Carabinieri, poliziotti, vengano aggrediti ed uccisi: si tratta di cosiddetti danni collaterali, di trascurabile rilevanza.

  • In evidenza

    contatore di accessi