Calcio, il patron dello Schalke 04 sospeso per le frasi razziste sugli africani

mercoledì 7 agosto 12:17 - di Redazione

Frasi razziste, che avevano come obiettivo gli africani. Il presidente del consiglio di sorveglianza dello Schalke 04, Clemens Toennies, è stato sospeso per tre mesi dal consiglio d’onore del suo stesso club. Toennies è finito sotto accusa per alcune frasi a sfondo razzista pronunciate alcuni giorni fa. Secondo il consiglio d’onore del club, che lo ha ascoltato in un’audizione, il 63enne Toennis è reo di avere «violato il principio di non discriminazione sancito dallo statuto» del club di Gelsenkirchen. Il dirigente ha ammesso la sua responsabilità e «ha nuovamente espresso il suo rammarico» per le frasi pronunciate.

Le frasi razziste pronunciate da Toennies

Nel suo discorso durante una festa operaia a Paderborn, Toennies ha affermato che «invece di aumentare le tasse, dovremmo piuttosto finanziare 20 centrali elettriche in Africa ogni anno, così gli africani smetterebbero di abbattere gli alberi e produrre bambini quando fa buio». Il caso sarà esaminato anche dalla commissione etica della Federcalcio tedesca (Dfb) in una riunione in programma a metà mese. In un clima già molto teso in Germania, le frasi razziste sono state criticate duramente da numerosi esponenti di politica e sport. «Scioccato» per queste «deplorevoli parole» si è detto Cacau, ex-attaccante brasiliano di colore naturalizzato tedesco nella sua veste di Incaricato per l’integrazione della Dfb, Federcalcio tedesca, riferisce la Dpa.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi