Zingaretti minaccia querele a mezza Italia per l’”immagine” del Pd…

mercoledì 3 luglio 13:34 - di Redazione

Nicola Zingaretti è impazzito. Vuole querelare mezza Italia per difendere l’immagine di un Pd squassato dalle inchieste e sempre più disprezzato dai cittadini.

La “svolta” giudiziaria è abbastanza ridicola. Non sopportano le accuse sui fatti di Bibbiano – chissà che fine faranno fare al sindaco degli affidi illeciti di bambini – e non solo. Scattano i nervi ogni volta che c’è tintinnio di manette e rumore di sirene. Gli indagati del Pd si moltiplicano e lui, Zingaretti, se la prende con chi commenta.

Pool di avvocati

Di stamane la notizia prontamente diffusa in rete: “un pool di legali all’attacco  – scrive Repubblica – per difendere l’immagine del Pd. Una squadra di avvocati ha avviato infatti azioni legali a tutela del partito e della sua comunità, infangati da numerosi attacchi perpetrati sui social allo scopo di creare un’equazione tra i casi di cronaca di Bibbiano e le polemiche sui migranti seguite al caso Sea Watch.” Come se nel primo caso non ci fosse un’amministrazione rossa e nel secondo la disgustosa paracrociera dei parlamentari del Pd.
“Attacchi puramente diffamatori”, sostiene il team social che si sta consolidando al quartier generale dem, “che sono portati avanti dal M5S sui suoi canali ufficiali Facebook, così come da ambienti sovranisti legati alla Lega e agli estremisti di Casa Pound”. In realtà Zingaretti e soci non si rendono conto di quanta rabbia provochino i loro atteggiamenti.

La Pietra (Fdi): “E’ il nuovo Pd…”

Notava ieri il senatore di Fdi La Pietra: “Il sostegno al capitano Carola Rackete che con la Sea Watch ha speronato la nave della Guardia di Finanza; un sindaco, nemmeno sospeso, agli arresti domiciliari per la vicenda dei crimini perpetrati ai danni di minori nell’inchiesta ‘Angeli e Demoni’; e finanche la richiesta del senatore Faraone di chiudere l’account facebook di Giorgia Meloni, ‘rea’ di non pensarla come lui sulla Sea Watch e sulla condotta criminale di Carola Rackete”. Tutto questo – per l’esponente di Fratelli d’Italia –  “e’ il Partito democratico, che in poco meno di una settimana ha mostrato il suo volto peggiore, quello di un movimento allo sbando, in cerca di consensi, dalla doppia morale e che usa la Costituzione e i valori della democrazia a proprio piacimento”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Sheila 6 luglio 2019

    Fanno pena ora stanno palesemente cercando giudici compiacenti! Ma possibile che a ogni mossa vanno sempre più in basso! La colpa non è dei cittadini ma di tutti coloro che girano in torno al PD! Vi infangate da soli e volete come solito scaricare la colpa sugli altri, libertà di scelta e di parola!

  • In evidenza