Star di Instagram accoltellata e messa in valigia: è caccia all’assassino (fotogallery)

martedì 30 luglio 19:05 - di Giovanni Pasero

“Katti loves life” (“Katti ama la vita”). Per il suo account di Instagram, la 24enne modella Ekaterina Karaglanova aveva scelto uno slogan positivo ed entusiasta, che oggi suona quasi beffardo.

La popolare influencer russa è stata trovata uccisa venerdì scorso. È stata straziata a coltellate. Il suo corpo è stato messo all’interno di una valigia. Il ritrovamento è avvenuto nel suo appartamento di Mosca. Il corpo, ha riferito la polizia, è stato rinvenuto venerdì, dopo che la famiglia della ragazza aveva denunciato di non avere più sue notizie da giorni.

La Karaglanova aveva oltre 87mila follower su Instagram. Era venuta spesso in Italia e aveva molti follower anche nel nostro Paese. La giovane si era recentemente laureata in medicina. Tra i filoni di indagine seguiti dalla polizia, quello dell’omicidio passionale. Secondo il quotidiano russo Moskovsky Komsomolets, la giovane aveva da poco iniziato una nuova relazione. Aveva in programma di festeggiare in Olanda il suo compleanno, il 30 luglio.

L’ultima foto postata su Instagram dalla modella trovata morta

Su Instagram il motto “Katti ama la vita”

I genitori, preoccupati della scomparsa della figlia, avevano contattato il suo padrone di casa e chiesto di entrare nell’appartamento. All’interno, hanno trovato una valigia contenente il corpo senza vita della figlia. La polizia ha riferito che non sono stati trovate tracce di colluttazione e che sulla scena non è stata rinvenuta alcuna arma.

Gli inquirenti hanno anche riferito che le telecamere di sicurezza hanno registrato le immagini di un ex fidanzato che aveva fatto una breve visita alla giovane, nei giorni coincidenti con la sua scomparsa. La polizia non ha però specificato se l’episodio sia da mettere in relazione con il delitto.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi