“Mio marito e altri due carabinieri uccisi con lui”: vedova scrive a quella “professoressa”

lunedì 29 luglio 12:31 - di Anna Arecchia*

Proponiamo ai nostri lettori la lettera aperta che Anna Arecchia, vedova di un carabiniere caduto in servizio assieme ad altri due suoi colleghi, ha inviato tramite Facebook alla “professoressa” Eliana Frontini.

 
Erano in tre quel 4 febbraio 1995.
Cara Eliana Frontini, Le scrivo in quanto Vedova di un Maresciallo dei Carabinieri caduto nell’adempimento del proprio Dovere ma anche in qualità di Insegnante.
Se le scioccanti dichiarazioni rese per la morte del Vicebrigadiere Mario Cerciello Rega Lei le avesse pronunciate anche quel 4 febbraio 1995, un ipotetico “Tre di meno! Non ne sentiremo la mancanza”, me lo avrebbe fatto morire due volte, il mio Rino. Lei certamente non ne sentirà la mancanza, ma io, i miei figli, le intere famiglie dei tre giovani Carabinieri che, in una fredda notte, stavano tutelando il nostro Stato contro la produzione di milioni di dollari falsi, noi sì, quella mancanza l’abbiamo sentita e continuiamo a soffrirla, perché, nonostante siano trascorsi 25 anni, nulla e nessuno potrà mai colmare il vuoto di una perdita così grave.

“Cerco parti di mio padre nel mondo”

Mi strazia ancora oggi specchiarmi negli occhi dei miei tre figli, all’epoca piccolissimi, ignari di un tale destino, mi straziano le parole del mio figlio maschio, quando, indifeso mi confida “Cerco parti di mio padre nel mondo”, come se quel padre glielo avessero fatto a pezzi e buttato per aria e oggi, oltre a combatterne l’assenza ne deve ricomporre l’immagine e la storia per arrivare a costruire la propria. Mi ha straziato per anni il dolore di mia suocera, anziana e sola che mai avrebbe immaginato di dover sopravvivere a un figlio, alla quale certamente non sono stata capace di dare sollievo perché c’era anche il mio di dolore che mi ha privata per anni di una vita normale fino a ridurmi senza difese immunitarie e farmi rischiare la vita. Questa è quella mancanza che Lei si vanta di non sentire, ma che migliaia di vedove, di orfani, di genitori continuano a nutrire ogni attimo nella loro vita di sopravvissuti.

Faccio l’insegnante

Nella mia sofferente vita, ho però avuto la fortuna di svolgere quel lavoro che ritengo essere tra i più soddisfacenti, faccio l’Insegnante, in un Liceo, come Lei. I miei allievi sono fonte continua di stimoli e confronti. Oltre a cercare di appassionarli alla Matematica, provo a coinvolgerli, tempo curriculare permettendo, in discussioni su svariati temi della Vita e così capita, quasi tutti gli anni e per tutti i miei nuovi allievi, di fare riferimento alla mia di vita, che ha subìto, giocoforza, un cambio di rotta. Mi confido con loro e mi riempie di orgoglio e di gioia il loro ascoltarmi, con gli occhi lucidi, senza interrompermi e alla fine, quasi sempre, quell’applauso scrosciante che irrompe nel silenzio, va a Chi non c’è più.
Sento doverosa la mia testimonianza, diametralmente opposta alla Sua, di quel doloroso giorno e del sacrificio di tre giovani Carabinieri di 22, 28 e 34 anni, riconosciuti Vittime del Dovere e della criminalità organizzata. Ho fortemente voluto che i miei allievi fossero presenti il giorno in cui, nella mia città, Marcianise, fu intitolata una strada a mio marito, il maresciallo Rino Pio Golino, affinché il suo sacrificio non andasse dimenticato. Insegno ai miei ragazzi che le Forze dell’Ordine sono tutori della loro incolumità e non loro nemici. Gioisco quando nel mio Liceo si accolgono rappresentanti dei vari Corpi militari ad illustrare la loro attività investigativa.

“Penso alla sposa di quel carabiniere”

E il mio pensiero oggi va alla giovane sposa e già vedova del Vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, va a quei genitori che non meritavano questo immenso dolore, va a tutti i Carabinieri d’Italia che, con orgoglio e sprezzo del pericolo, escono ogni giorno di casa, salutando i propri cari, i propri figli nella speranza di poterli riabbracciare a fine giornata.
Cara Eliana, hanno fatto molto male le Sue parole. Hanno fatto male a noi familiari di Carabinieri, ma soprattutto a tutti quei giovani studenti, per ognuno dei quali, noi Insegnanti, rappresentiamo ancora un esempio. Non saranno sufficienti le sue scuse, quei ragazzi confusi avranno bisogno di prove e di comprendere i reali Valori per i quali vale la pena lottare.
*ved. M.llo Rino Pio Golino

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Nicola Rito Bettetini 31 luglio 2019

    Sono di Novara, ma da Novara scappato da giovane, quì a mio modesto parere, si stà profilando da anni la totale perdita del valore umano. Quì si sentono studiati come John Waine, quì si sentono padroni dell’esistenza di altri. La frase di Eliana Frontini non è un caso, la sentiamo spesso, troppo spesso, e spesso da laureati, a volte addirittura avvocati, giuristi. Mi dispiace e ferisce anche me, in qualità di essere umano, ascoltare parole e frasi che non dovrebbero esistere. Io ho solo capito che esistono 2 tipi di persone: quelle che sanno stare in mezzo agli altri e fanno e si adoperano ad aiutare realmente gli altri, e quelle che si pongono sopra perchè in mezzo agli altri non ci sanno stare. Il lavoro del CC non è per tutti: saper stare in mezzo a 60 milioni di impazziti è più che una semplice “missione”, è molto di più. Mi prendo ogni responsabilità di quello che ho scritto e spero che le di cui persone maturino. Un devoto grazie a tutti quelli che cercano di mantenere la legalità in questa nazione, nella comune speranza che diventi più civile.

  • Francesco Anelli 30 luglio 2019

    Concordo con quanto lei ha detto signora. Purtroppo non siamo fatti con lo stampo e non tutte le frittelle riescono col buco,quello che non capisco e’ la ragione, cosa spinge una persona oltretutto istruita, colta ha scrivere le frasi che ha scritto.L’ avversione per le divise? Ma non scherziamo! Dovremmo invece ringraziarli per la loro abnegazione al loro lavoro per lo stipendio che gli danno.Infine come compagno di viaggio in treno o in qualsiasi altro mezzo di trsporto preferirei una persona in divisa.non dico altro.

  • sgarzi mirko 30 luglio 2019

    ha perfettamente ragione, si devono trasmettere ai nostri figli i giusti valori, e l’arma dei carabinieri in primis su tutte e’ da sempre un esempio che io personalmente spero di essere riuscito a trasmettere al mio ragazzo. rispetto per tutti ma soprattutto per anziani, bimbi e forze dell’ordine, senza questi principi si vive male….un abbraccio
    mirko

  • Angela 29 luglio 2019

    Nn ci sono parole a riguardo se lei è un insegnate mah tutto da vedere e soprattutto vergognati…. Vorrei vedere se era una persona a te cara cosa avresti fatto… Le tue parole fanno schifo vergognati

  • In evidenza

    contatore di accessi