Ma quante settimane potrebbe durare un governo dalla Boschi alla Taverna…

domenica 21 luglio 6:00 - di Francesco Storace

Ogni mattina Salvini si alza sapendo che qualcuno – molti più di qualcuno – gli dirà stacca la spina al governo. Ormai gridano “elezioni elezioni” anche i suoi fan nei comizi. I Cinquestelle non li reggono più. Ma a via Bellerio quello che aleggia è la paura del golpe di Palazzo dopo quello che è successo a Strasburgo. La ferita del voto determinante dei grillini per la Von der Leyen assieme al Pd e Forza Italia non si rimargina. E si teme il bis per un nuovo governo chiamato a sostituire quello attuale. Ma c’è da averne paura per davvero?
Parliamone, perché è un timore che può essere esorcizzato. Certo, a leggere le dichiarazioni quotidiane di Zingaretti o anche di Forza Italia e persino di Di Maio, tutti sembrano dire la stessa cosa: con la crisi si va al voto. E proprio perché tutti dicono la stessa cosa, Salvini dubita giustamente che vorrebbero fare il contrario. Come insegna santa madre politica dai tempi di “quelli di prima“. Con aggiunta grillina.

Le mosse dei ribelli

Dunque, quali possono essere le mosse dei ribelli? (che poi sarebbero quelli che non intendono rinunciare ai quindicimila euro al mese di appannaggio). Anzitutto, chi potrebbero essere? Sicuramente gli scappati di casa a Cinquestelle si chiedono quando mai rientreranno nell’odiato (un tempo) Parlamento. Poi, e diciamolo giustamente, gli azzurri di Forza Italia, che vedono ridursi sempre più le percentuali dei sondaggi, oltre che i voti veri delle europee. (Anche se potrebbero essere allettati da un’alleanza di centrodestra, ma non sanno se Salvini la vuole). Infine, i renziani, che Zingaretti non vede l’ora di rimandare a casa. Certo, anche i Leu, i gruppi misti e malpancisti in giro se ne trovano, ma i conti vanno fatti bene.
Certo, è probabile che la calcolatrice funzioni. In quel caso Mattarella scodellerà il premier che vuole lui e che loro dovranno votare in silenzio. E qui verrà il bello. Per fortuna che c’è l’ordine alfabetico e le Camere sono separate, ma sarebbe gustoso – non per la povera Patria, però – vedere votare si’ alla fiducia, alla stessa fiducia, Maria Elena Boschi e Paola Taverna. Oltre al pattuglione berlusconiano. L’avvocato e la saldatrice. Ma questo governo dottor Jeckill e mister Hide, quanto dovrebbe durare? Quanto potrebbe durare? Per fare quale manovra economica? Poi, se non dovessero riuscire nell’opera che faranno, chiederanno scusa al popolo italiano a reti unificate?

La scatola con tonno immangiabile

La scatola di tonno, vorremmo dire ai cultori della materia, contiene cibo avariato. Immangiabile. Ecco perché a Matteo Salvini conviene mettere in campo un po’ di coraggio, andare a vedere il bluff e scoprire come d’incanto che i seggi si apriranno in un nanosecondo.
Oppure, piano B, riescono a varare il gabinetto – mai espressione sarebbe più acconcia di questa – per arrivare alla manovra. Salvini e la Meloni avrebbero uomini e idee per farli ballare in Parlamento. Chi osa attentare alla sovranità popolare non può pretendere di farla franca. Al potere, quei signori resterebbero ben poco. E siccome i conti sanno farli anche loro, è bene calare il sipario. Sia il popolo italiano a scegliere da chi farsi governare.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giorgio 21 luglio 2019

    i “grillini” (in realta’ non so se il termine grillini sia ancora corretto, occorrerebbe chiederlo allo stesso fondatore) da completi inaffidabili che navigano a vista hanno “inciuciato” con il pd inUE assieme ai forzisti ed il risultato e’ stata l’elezione della tedesca e di Sassoli, fa specie il coinvolgimento dei forzisti, ma tant’e’. Questo in UE, ma nel Bel Paese sarebbe tutta un’altra faccenda, cosa potrebbero fare di concreto, razionale e logico costoro?????? gli uni inaffidabili e attraversati da correnti interne totalmente differenti e tutte comunque irrazionali a cominciare dalla “decrescita” felice e dal “no”tav e simili, gli altri privi ormai della leadership, senza per ora un vero leader con gli attributi e a rischio concreto di scissione, infine “quelli” che vegetano senza avere una linea politica e aggrappandosi a fantasiosi ed inutili supposti “scandali” soprattutto inutili ( si rendono conto tali individui che ai cittadini italiani non frega un emerito c….o se la Lega ha avuto, se li ha avuti, o non ha avuto denari considerando quello che loro, scandali delle banche e collaterali, ed i loro “padri” e “nonni” politici hanno fatto reiteratamente per anni in tempi fra l’altro in cui le scelte di campo, Nato e patto di Varsavia, erano molto pericolose????). Nessuna idea di sviluppo,il nulla pneumatico, solo “flessibilita'” in cambio di immigrati e di becera globalizzazione, non c’e’ che dire!!!

  • filippo nalli 21 luglio 2019

    Ipotesi C: Mozzarella vara un governo tecnico e 100.000 italiani incazzati vanno sotto ai balconi del Quirinale a fargli capire che può anche volare giù.Ricordiamoci che il 14.07.1789 non fu un atto fatto “nelle more delle leggi vigenti”.Più recentemente ricordiamoci il luglio 1960 e la fine del goveron Tambroni
    distinti saluti

  • MICHELE RICCIARDI 21 luglio 2019

    DIO DIO PERCHE’ NON RITORNI E FAI COME HAI FATTO QUANDO C ERI… VEDERE NELLA BIBBIA, IL LIBRO PIU’ DIFFUSO E IL MENO LETTO. PERCHE’ ORMAI QUA’ NON CI SALVA PIU’ NESSUNO!… Ora dite la vostra, se non vi è piaciuta la mia.

  • In evidenza