L’ex capo dei servizi segreti tedeschi: “C’è la Merkel dietro Carola. È un piano contro l’Italia”

domenica 28 luglio 13:13 - di Laura Ferrari

«Clamorosa notizia sulla Sea Watch di Carola Rackete. L’ex capo dei servizi segreti tedeschi, Hans-Georg Maassen sostiene che l’operazione della Sea Watch conclusasi con lo speronamento della motovedetta della Guardia di Finanza, sia stata una iniziativa pianificata e messa in piedi dalla tv pubblica tedesca Ard, quindi di fatto dal governo Merkel. Obiettivo: forzare l’apertura dei porti italiani e causare un incidente che facesse ripartire la propaganda immigrazionista. Fratelli d’Italia chiede chiarezza su queste sorprendenti dichiarazioni. Come primo passo chiederemo la convocazione di Maassen al Parlamento europeo perché possa raccontare la sua versione dei fatti». Così Giorgia Meloni, sui Social, postando l’articolo del quotidiano britannico The Guardian, che ha ricostruito la vicenda.

Massen ha condiviso su Twitter, un articolo del blog di controinformazione Journalistenwatch, critico con le politiche della Merkel, che sostiene come l’operazione Sea-Watch 3, in realtà sia stata finanziata dalla tv di Stato tedesca, per screditare il governo italiano e forzare la mano a Salvini. L’articolo era accompagnato dal commento: “Se questo articolo fosse vero, vorrebbe dire che la tv di Stato tedesca è censurata come ai tempi della Germania comunista dell’Est”.

Successivamente,  l’ex capo dei servizi segreti ha cancellato il tweet. A precisa domanda, ha risposto che il suo account è gestito personalmente da lui e che il profilo non è gli è stato hackerato. Insomma, un messaggio agli utenti del web. Chi vuol capire capisca. Secondo Maassen, che ovviamente ha ancora buone fonti all’interno della struttura di intelligence, la vicenda della Sea Watch e di Carola Rackete è stata una sceneggiata messa in piedi dalla tv pubblica Ard: quindi dal governo Merkel.

Hans-Georg Maassen è stato rimosso un anno fa dalla guida dei «servizi segreti» tedeschi, l’Ufficio federale per la Protezione della Costituzione, dalla Merkel, dopo un suo intervento in cui contraddiceva la stessa Cancelliera su un episodio di «caccia al migrante» a Chemnitz, avvenuto dopo l’omicidio di un tedesco di origine cubana, che aveva difeso la fidanzata dal tentato stupro di alcuni richiedenti asilo. Da tempo l’ex capo dei servizi segreti ha dichiarato guerra all’informazione di regime, nel nome del politicamente corretto.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Paola 30 luglio 2019

    Io non riesco a capacitarmi che la merkel e macron siano ancora al governo dei loro paesi e al comando dell’Europa, soprattutto CONTRO L’Italia!!!!!!
    Ma perché nessuno di noi fa niente????????

  • giorgio 29 luglio 2019

    non si avevano dubbi che la zecca Carola fosse sponsorizzata, fa specie che lo sponsor sia niente meno che la “culona” che parla russo con Putin, che fa da tempo accordi con Putin e che abbia sponsorizzato niente di meno che l’ex capo dei social democratici tedeschi alla guida di Gazprom, il che dimostra che i veri sovranisti sono, da tempo, quel deretano grasso della teutonica assieme a quel “sirenetto” del Macron.

  • Silvia Toresi 29 luglio 2019

    Per fortuna la verita’ ogni tanto viene a galla!!!!!!!!

  • rino 29 luglio 2019

    La Merkel sembra fosse al soldo della Stasi e buon sangue non mente. Ricordiamo le dichiarazioni di un loro esponente a proposito dello sfruttamento del caso Orlandi. Germania e Francia non sono nazioni amiche, nessuna nazione è amica se non per interesse. Fin da quando fu orchestrata Mani pulite, con l’appoggio di toghe rosse e Partito comunistra e dal primo governo tecnico di Amato, per proseguire con Prodi, è iniziata la sistematica distruzione dell’industria e dell’economia italiana, che allora era avanti alla Germania. Questa azione continua ancora oggi e se siamo un popolo imbelle, ricattabile col debito causato ad arte da quei governi, dovremo soccombere.

  • Giovanni Marchetta 29 luglio 2019

    Questa culona tedesca non mi è mai piaciuta. Troppo imponente, come se fosse lei sola a prendere decisioni, per fi più appoggiata dal suo schiavetto personale di nome Macron. Era chiaro già da un po’ di tempo che questa stronza vuole distruggere l’Italia, solo i falsi buonisti e la sinistra corrotta non vedono, o meglio, fanno finta di non vedere la realtà

  • eddie.adofol 29 luglio 2019

    questo governo dopo questi fatti dovrebbe richiamare in ITALIA il nostro Ambasciatore e mandare il Germania il loro Ambasciatore- tanto x fargli capire che l’ITALIA è un Paese Unito. Se non lo fa è un paese pulcinella.

  • FABIO TRIDICI 28 luglio 2019

    CARA MERKEL E CARO MACRON SOJO I DUE COMPLOTTISTI PER FAR INVADERE L’ITALIA DAGLI IMMIGRATI.E’ QUELLO CHE HA SCRITTO EX CAPO DEI SERVIZI SEGRETI DELLA GERMANIA.LE MANI CHE TI TREMANO SONO IL SEGNO DELLA TUA CATTIVERIA ,FAI DEL MALE CHE TI RITORNA INDIETRO.QUESTO E’ UN MALENTO MA PROGRESIVO.SEI FINITO.ANCHEPER TE MACRON ARRIVERA’ LA PUNIZIONE PER LE TUE MALEFATTE.AL NOSTRO GOVERNO DICIAMO,USCIAMO DALL’EUROPA.LA FRANCIA E LA GERMANIA SONO I NOSTRI NEMICI

  • Giuseppe Tolu 28 luglio 2019

    Il fare schifoso di questi sinistrosi è veramente immenso

  • babbone 28 luglio 2019

    Lo Stato Italiano si faccia restituire i soldi serviti per la riunificazione.

  • babbone 28 luglio 2019

    Finalmente ne apprendo notizia anche da un quotidiano ” Il Secolo d’Italia” Italiano, spero che venga divulgata, ho seri dubbi, anche da altri quotidiani. Ha notizia fondata bisogna immediatamente informare il popolo e ponderare senza mezzi termini uscita da questa “europa” di nfami. Torniamo ad essere una Nazione Sovrana. A casa nostra comandiamo “NOI”.

  • In evidenza

    contatore di accessi