La rabbia dei finanzieri: «Noi abbiamo rischiato la vita e Carola Rackete passa per un’eroina»

mercoledì 3 luglio 16:26 - di Redazione

«Il mondo al contrario. Chi viola la legge diventa un’eroina e chi ha difeso la patria tra un po’ passa per delinquente. Sono molto amareggiato. Questo provvedimento è davvero ingiusto ma soprattutto contiene molte inesattezze. A partire dalla definizione di nave da guerra. Lo sanno pure i bambini che l’imbarcazione della Guardia di Finanza è una nave da guerra perché issa il vessillo e ha i colori della Marina militare come nave da guerra». A parlare, in una
intervista all’Adnkronos, è uno dei finanzieri che presta servizio nel gruppo navale delle Fiamme gialle di Lampedusa e che preferisce restare anonimo. Ha letto e riletto il provvedimento con il quale la gip Alessandra Vella ha scarcerato la Comandante della Sea watch Carola Rackete. E non riesce proprio a digerire quel passaggio dell’ordinanza sulla nave da guerra.Secondo la gip con la manovra con cui Carola Rackete ha violato il divieto di attracco al porto di Lampedusa impostole dalla Guardia di Finanza non avrebbe commesso alcuna violenza nei confronti di una nave da guerra e non ha opposto resistenza ad un pubblico ufficiale. La gip di Agrigento Alessandra Vella ha rigettato tutte le accuse nei confronti della capitana della Sea Watch 3, non convalidando l’arresto e non disponendo nei suoi confronti alcuna misura cautelare. «In caso di guerra la gdf passa sotto l’egida della Marina militare – dice la fonte Gdf- lo sanno tutti». E aggiunge: «Tutti gli equipaggi Gdf sono equipaggi Cem, cioè appartengono al corpo militare marittimi».

«Secondo qualcuno dovevamo essere noi a essere puniti – dice – una assurdità. Noi abbiamo eseguito solo ordini legittimi e invece passiamo per chi commette un reato. Non ci sono più regole certe». E ancora: «Mi sembra di stare a teatro con le comparse ma non so chi è il burattinaio- dice – Il collega ha eseguito ordini e gli è andata bene perché poteva rischiare la vita. Per il resto andiamo avanti ma non ci sono più le condizioni per lavorare bene, in serenità. Quando mi alzo la mattina e leggo queste cose divento matto». E conclude chiedendosi: «Il popolo con chi sta? Noi non abbiamo fatto abusi. Non ci sto a passare per delinquente. Proprio no».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giorgio 4 luglio 2019

    hanno perfettamente ragione, se un qualsiasi cittadino non si fermasse ad un alt delle forze dell’ordine che cosa gli accadrebbe??????ma non solo nel Bel Paese, in qualsiasi Paese. Ma prima o poi………meglio prima che poi.

  • FRANCO ZANINI 4 luglio 2019

    State tranquilli che il popolo sta con voi!Il travisamento della realtà,cui tutti noi abbiamo assistito,è stato clamoroso e l’ordinanza del GIP di Agrigento è un mostro giuridico secondo soltanto al caso Tortora.Mai si era vista tanta insipienza e tanto furore ideologico.La gente sta dalle parte vostra e il tentativo di criminalizzare servitori dello Stato, che fanno solo il proprio dovere,è clamorosamente fallito davanti alla evidenza dei fatti.Il tempo ci darà ragione anche se ora resta un senso di grande amarezza!Viva la Guardia di Finanza!

  • pasquale migliaccio 4 luglio 2019

    è vergognoso coloro che violano le leggi italiane vengono premiati da un giudice italiano mentre i nostri militari che rischiano la vita ogni giorno per far rispettare le regole vengono ritenuti quasi colpevoli io sto con i finanzieri

  • contetadino 4 luglio 2019

    Hanno pienamente ragione! Come è possibile un affronto del genere verso l’Italia? se c’era Ben questo non sarebbe successo!

  • 4 luglio 2019

    Sciopero bianco per tutte le operazioni attenendosi scrupolosamente al regolamento e alle direttive.
    Ligi al dovere ma senza strafare e prendere iniziative per semplificare le operazioni e per renderle più fluide.
    Qualcuno,in alto,si renderà conto di queste situazioni e così si vedrà per chi parteggiano.

  • Antonio Corradini 4 luglio 2019

    Il Giudice condanna / assolve. per conto DEL POPOLO ITALIANO. (Ma quando lo chiede alla comunità ?)

  • Massimo Steffanoni 4 luglio 2019

    Coraggi ragazzi, prima o poi riusciremo a darvi il giusto merito, al momento dobbiamo sottostare tutti alla magistratura.
    Ormai non siamo più uno stato di diritto, ma uno stato soggetto al diritto (dei magistrati).

  • Alberto Lazzari 4 luglio 2019

    Presidente Mattarella Capo delle Forze Armate presidente del Csm firmatario delle leggi dove sei…

  • In evidenza

    contatore di accessi