Immigrato non vuole scendere dal bus a fine corsa: l’autista reagisce così (video)

martedì 9 luglio 17:54 - di Redazione

La nota del Cotral, l’azienda regionale di Trasporti del Lazio di Zingaretti, non si è fatta attendere. Un comunicato contro l’autista ciociaro che ieri sera, al termine della corsa, ha fatto scendere dalla corriera un passeggero che non aveva alcuna intenzione di scendere. Dal video, pubblicato sui Social, si sentono improperi e si vede l’autista che colpisce ripetutamente il passeggero, uno straniero di origine africana.

Secondo quanto riportato dal Fatto quotidiano, il passeggero avrebbe cercato di salire ripetutamente a bordo del mezzo Cotral nonostante questo fosse fuori servizio. La versione è stata raccontata da alcuni autisti in una chat riservata. È la stessa chat dove il video della rissa ha iniziato a girare.

Dalla breve sequenza l’azienda laziale ha già emesso la sua sentenza. Il conducente è colpevole e il cittadino africano, che è sceso con la cinta dei pantaloni sfilata, è sicuramente la vittima.  «Il comportamento dell’autista che ha malmenato un passeggero nel tentativo di farlo scendere dal bus è inaccettabile e l’azienda ha già attivato l’iter disciplinare previsto in queste circostanze», si legge nella nota dell’azienda di trasporti. Che continua: «Cotral respinge con forza ogni forma di violenza, anche perché da una prima ricostruzione dei fatti e dalle immagini del video apparso in rete si evince chiaramente che l’autista non si trovasse in alcuna situazione di pericolo». L’episodio è avvenuto ieri sera intorno alle 22 al termine della corsaFerentino – Stabilimento Fca (cancello 4) di Piedimonte San Germano. Il bus in quel momento fuori servizio si apprestava ad andare al cancello 1 per riprendere la corsa.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Tolu 10 luglio 2019

    Cos’è, pensava di stare su un dromedario? Mi associo a tutti gli altri commenti con i complimenti all’autista, ce ne fossero …

  • Gian 10 luglio 2019

    Fine turno.
    Vuole tornare a casa dalla famiglia e invece trova questo idiota che pensa di comandare.
    Lo ha sbattuto giù dal mezzo come era lecito.
    Che cosa fanno i capetti “accoglioni buonisti”?
    Dicono che ha sbagliato!
    Questi “accoglioni” vanno sbattuti fuori a calci in culo.
    Il conducente ha difeso la sua professionalità e il suo diritto di terminare il proprio lavoro.
    Ci vuole una Legge per permettere all’autista di difendere la propria dignità?
    Dico di NO!
    Esiste la Costituzione.

  • key 10 luglio 2019

    MAGARI ve ne fossero di più autisti così, capo-treno, bagnini, etc. …insomma, persone coraggiose a difendere la propria dignità e quella dei cittadini indifesi rispetto ai footballieri africani.

  • Marco 10 luglio 2019

    L’autista ha fatto quello che qualsiasi uomo di buonsenso avrebbe fatto. Colui che, a nome del Cotral, ha preso le distanze dall’autista dovrebbe vergognarsi.

  • Tommaso 10 luglio 2019

    Picchiato più che altro rimproverato.
    Con questi che non rispettino le regole occorre comportarsi così
    Altrimenti non imparano a stare composti.

  • Gianpiero 10 luglio 2019

    Un grande plauso all’autista, reo di non essersi piegato alla prepotenza ed alla sopraffazione, anche a rischio della sua incolumità, e di questi tempi non è da tutti….Il problema è sempre il rispetto delle regole che non può essere a senso unico!!!

  • 9 luglio 2019

    Ha fatto benissimo ! Imparino l’Italiano e le regole o vanno cacciati come in Australia o negli USA !

  • In evidenza

    contatore di accessi