Il governo convince la Ue: l’Italia evita la procedura d’infrazione. Cala subito lo spread

mercoledì 3 luglio 14:21 - di Redazione

Il Collegio dei commissari europei ha deciso poco fa, come nelle attese, di non raccomandare al Consiglio Ue di aprire una procedura per deficit eccessivo legata al debito nei confronti dell’Italia, a quanto si apprende, alla luce delle rassicurazioni sui conti fornite lunedì con l’assestamento di bilancio e il decreto che “congela” le minori spese da reddito di cittadinanza e quota 100.

«La decisione di non raccomandare al Consiglio di aprire una procedura per debito nei confronti dell’Italia non è la fine del percorso. Monitoreremo molto attentamente il documento programmatico di bilancio dell’Italia per il 2020, che dovrà essere presentato entro il 15 ottobre, cosa che sarà uno degli ultimi compiti di questa Commissione», dice il commissario europeo agli Affari Economici Pierre Moscovici, a Bruxelles.

Martedì sera il presidente del Consiglio Giuseppe Conte si era detto “fiducioso” in vista della riunione del Collegio dei commissari Ue che deciderà se raccomandare o meno al Consiglio l’avvio di una procedura per debito nei confronti dell’Italia. «Confido che la riunione sia molto breve, di poter festeggiare con tutti gli italiani, con tutti gli italiani sottolineo, un risultato positivo. Ci sarà da brindare». Se ne dovrebbe così riparlare a partire da ottobre nell’ambito della nuova manovra di bilancio per il 2020 e, di fatto, trasferendo il dossier alla prossima Commissione europea destinata a entrare in carica a novembre. Lo spread, sulla scìa di queste notizie, è immediatamente calato toccando una quota di poco superiore ai 200 punti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Carlo Cervini 4 luglio 2019

    La reazione della Borsa e il crollo dello spread sotto i 200 punti dimostrano che era tutto manovrato ad arte da Ottobre ’18…………….sul groppone degli italiani rimangono i miliardi di interessi pagati in più e il tracollo dei valori delle Banche quotate piene di BTP per sostituire i riscatti – 30/50%……………….Come è evidente, il nostro Governo, equivalente ad un consesso di portinaie, si è fatto menare per il naso per ben 9 mesi. Complimenti !

  • In evidenza