Francia ipocrita, due mail la inchiodano: ora “santifica” Carola, ma ignorò i suoi sos

sabato 13 luglio 13:07 - di Adriana De Conto

Ma guarda che ipocrisia. Ma guarda che memoria corta. Comunque la si legga, la vicenda del tringolo Carola-Italia- Francia rivela un’ipocrisia a livelli insopportabili. «Il Comune di Parigi premia Carola Rackete, mentre la portavoce del governo Macron, Sibeth Ndiayel, aveva bollato come ‘non accettabile’ il comportamento del ministro dell’Interno Matteo Salvini nei confronti della comandante della SeaWatch3. Eppure la Francia aveva ignorato le richieste della nave ong. E più di una volta. Niente porto sicuro e zero risposte alle mail di Rackete. A denunciarlo è proprio Carola, nei giorni in cui aveva fermato la nave all’ingresso delle acque territoriali italiane». E’ quanto fanno sapere fonti del Viminale, che hanno anche diffuso le mail della Capitana (cliccare qui per leggere  il PDF).

Due mail inchiodano la Francia

E’ tutto molto sconcertante. Ora la Francia se la cava con la cittadinanza onoraria alla Capitana. Solo chi non vuole vedere non vede il gioco sporco che la Francia sta giocando sulla faccenda migranti perattaccare politicamente l’Italia. «In due mail – spiegano le stesse fonti – indirizzate a Roma, una del 24 giugno alle 19,07 e l’altra il giorno successivo alle 22,57, Carola Rackete scriveva: «ho inviato numerose richieste di Pos a Malta e alla Francia e ho provato a coinvolgere gli Stati di bandiera nel coordinamento del Pos. Finora nessun risultato», scriveva sconsolata. E poi, il giorno successivo: «Le nostre richieste di POS inoltrate a Malta sono state declinate, quelle inviate alla Francia rimaste senza risposta». Carola Rackete denunciava contestualmente le difficili condizioni a bordo della nave, sollecitando il governo italiano a dare il via libera allo sbarco».

«Ipocrisia francese»

L’Italia, proseguono fonti del Viminale, «si era già fatta carico di alcuni malati e di alcuni minori non accompagnati (Macron non aveva mosso un dito). Dopo quelle mail, la comandante forzò il blocco e arrivò a speronare una motovedetta della Guardia di Finanza nel porto di Lampedusa. Risultato: la Francia che l’aveva ignorata aveva subito attaccato l’Italia e ora la premia con la massima onorificenza del Comune di Parigi. Carola se ne è dimenticata?». Netto il commento del Viminale : «Ipocrisia francese: premiano la comandante tedesca Carola Rackete come fosse un’eroina, ma proprio Parigi non aveva risposto alle sue richieste di aiuto. I francesi si schierano con una ong che fa politica in Italia e con una persona che ha speronato una motovedetta della Guardia di Finanza mettendo a rischio la vita dei militari italiani, come il più facinoroso dei gilet gialli».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi