“Era l’esempio di integrazione riuscita”. Il killer di un bimbo fa tremare il modello Merkel

martedì 30 luglio 17:59 - di Laura Ferrari

Si chiama Habte A., ha 40 anni, è originario dell’Eritrea e su un giornale svizzero era stato intervistato come esempio della perfetta integrazione in Europa. È l’uomo che ieri alla stazione di Francoforte ha spinto a calci e pugni sotto un treno un bambino di otto anni. Secondo le testimonianze raccolte dalla polizia, l’uomo ha spinto il bambino, la madre e un’anziana, che si trovavano in attesa del treno. La donna e l’anziana sono riuscite a mettersi in salvo ed evitare l’impatto con il treno, un regionale ad alta velocità. Il piccolo invece è stato travolto.

Secondo il capo della polizia federale tedesca, Dieter Romann, Habte era ricercato anche Svizzera, dopo che aveva cercato di uccidere la vicina di casa. Ciò aveva «spinto la Svizzera a emettere un mandato d’arresto nazionale». In Svizzera, il quarantenne aveva inoltre già avuto a che fare con la polizia per delitti analoghi, ha aggiunto il capo della polizia tedesca.

 

Secondo le informazioni ottenute in esclusiva dal giornale tedesco Spiegel, Habte A. lavorava per l’azienda di trasporti pubblici di Zurigo che gestisce i tram. Da un anno era stato assunto regolarmente e si occupava della manutenzione dei tram della compagnia. Al momento non è dato sapere se sia arrivato in Svizzera dall’Italia o da un’altra nazione. Habte, come esempio di perfetta integrazione, era stato intervistato da una rivista di un istituto di previdenza sociale svizzero. Nell’intervista, aveva riferito della sua vita in Svizzera più di un anno fa:Aall’inizio era difficile a causa della lingua, ma non più di tanto. «Mi piace che tutti qui ricevano aiuto, che sia povero o ricco», si legge nell’intervista. «E tutti possono mangiare, e l’esistenza è assicurata, ecco il Primo Mondo». 

Habte fotografato su una rivista previdenziale svizzera come campione dell’integrazione possibile

Una versione confermata dal ministro degli Interni tedesco Horst Seehofer: «Il presunto autore è stato menzionato nelle pubblicazioni come esempio di integrazione riuscita». Due anni fa è stato ritratto come modello in una pubblicazione di Swiss Workers Assistance. Secondo il procuratore di Zurigo Habte A. era in trattamento psichiatrico da qualche tempo.

Habte posa mentre firma il contratto di lavoro

Il secondo caso in 10 giorni. Il governo tedesco: “Sono immigrati depressi”

Meno di una settimana fa, un caso analogo aveva sconvolto la Germania. Una 34enne, madre di due bambini, è stata scaraventata sotto al treno alla stazione di Voerde nella Renania settentrionale. Per il delitto era stato arrestato un pregiudicato 28enne di origine kosovara. Anche per lui gli inquirenti tedeschi ipotizzano problemi psichiatrici.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi